Sei qui: Home » News Inter » Fuorigioco semiautomatico? Bergonzi avverte: “C’è una cosa che non cambierà”

Fuorigioco semiautomatico? Bergonzi avverte: “C’è una cosa che non cambierà”

Dopo il clamoroso errore arbitrale in occasione di Juventus-Salernitana, partita in cui ai bianconeri è stata negata la vittoria allo scadere a causa di un fuorigioco di Bonucci – poi rivelatosi inesistente – si è riacceso, ancora una volta, il dibattito sul VAR.

Ieri a tentare di placare le voci era stato il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, affermando che “non hanno sbagliato né gli arbitri né il VAR. Se un episodio così dopo sei giornate di campionato deve far urlare allo scandalo… Diamoci tutti una calmata, torniamo nei nostri ranghi“.

VAR Bergonzi fuorigioco

Ad intervenire sul discorso, oggi, è stato invece l’ex arbitro Mauro Bergonzi che, alla Gazzetta dello Sport, ha commentato anche la possibile introduzione del fuorigioco semiautomatico:

Il fuorigioco semiautomatico sarà la panacea di ogni male?
Beh, se fosse stato già in funzione certamente la posizione di Candreva si sarebbe vista. L’avrebbero presa insomma. E molto più velocemente, senza dubbio. Col nuovo sistema avresti la totalità del campo sotto controllo e quindi, soprattutto, non avresti problemi di telecamere non fruibili. Quindi gli angoli ciechi, le zone buie, non esisterebbero

LEGGI ANCHE:  "Ho fatto tanta strada per arrivare qui", emozionante Dimarco: cosa ha detto dopo il primo gol in Nazionale

C’è sempre l’uomo a ricevere e decidere sull’interferenza o meno in caso di fuorigioco, quindi sull’offside attivo o passivo. Giusto?
Esattamente. Siamo sempre e comunque al fattore umano che resta l’atto finale di tutto ciò che succede. E allora dico: il fuorigioco semiautomatico può risolvere tutto ciò che è e che per forza di cose può rimanere nella sfera dell’interpretativo?

Cosa le è rimasto del caos andato in scena nel finale di Juventus-Salernitana?
Una grande confusione e l’idea che tutti abbiano troppo i nervi scoperti. Devo dire che già dalla prima giornata mi sembrava che l’andazzo potesse diventare questo, ma non mi pare proprio normale che dopo così poche giornate ci sia questo clima così surriscaldato in cui, per gli arbitri ma non solo, lavorare potrebbe diventare assolutamente non facile“.