Sei qui: Home » News Inter » Lecce-Inter, Baroni mastica amaro: “Sconfitta che brucia, soprattutto per un motivo”

Lecce-Inter, Baroni mastica amaro: “Sconfitta che brucia, soprattutto per un motivo”

L’Inter risponde al Milan. Gli uomini di Inzaghi vincono la prima di campionato all’ultimo respiro contro il Lecce. Decisiva la rete di Dumfries che ha permesso ai nerazzurri di portare i primi tre punti della stagione a casa.

Bene anche il ritorno di Romelu Lukaku in Serie A, protagonista con il gol del vantaggio nel primo tempo.

Foto: Getty Baroni Lecce Inter

Ad analizzare la partita è stato il tecnico del Lecce Baroni, ai microfoni di Sky Sport, che si è detto comunque soddisfatto della prova dei suoi. Di seguito le sue parole:

Brucia, ma ci deve servire. Chiaro che noi nei centrimenti pagavamo, loro alla fine avevano tanta struttura. Non era facile difendere queste palle. Devo fare comunque i complimenti alla squadra, abbiamo rivoluzionato molto. Per costruire un’identità forte ci vuole una prestazione importante, ringrazio i ragazzi e il pubblico. Peccato per il gol subito all’ultimo, ma rimane una prestazione su cui si può lavorare.

Noi abbiamo tanti giovani e molti esordienti, entrare in campo e andare sotto subito non era facile. La squadra è rimasta compatta anche se si è abbassata troppo. C’è da lavorare. La prestazione mi soddisfa. Era importante che i ragazzi dessero tutto, peccato per l’ultima palla, ci poteva essere più attenzione.

Ceesay? Ha tante qualità, ci può dare una mano. Dobbiamo fare qualcosa per servirlo meglio ma anche lui deve venirci incontro. È un ragazzo che si è calato nelle dinamiche della squadra, con grande attenzione e cura, questo ci fa ben sperare”.

BARONI A DAZN

LEGGI ANCHE:  L'Inter piange Bruno Bolchi: l'ex nerazzurro si è spento ieri sera a 82 anni

“Sapevamo che potevamo concedere qualcosa sui calci piazzati, l’Inter ha tanti giocatori pericolosi in queste situazioni. Faccio i complimenti ai ragazzi, perché hanno dato tutto in campo. Ci teniamo questa prestazione che ci dà fiducia per il futuro. Siamo un gruppo giovane con tanti margini di crescita.

Oggi abbiamo giocato con due centrali difensivi adattati, perché uno era un terzino e uno un centrocampista. Davanti avevamo una squadra fortissima, poi andare subito sotto nel punteggio poteva abbatterci, invece siamo rimasti in partita e abbiamo creato le nostre occasioni. C’è grande rammarico per il risultato finale, prendere gol all’ultimo secondo brucia, ma la prestazione è assolutamente da salvare”.