Sei qui: Home » News Inter » Chi è Nikola Iliev, il jolly della Primavera che ha regalato lo scudetto all’Inter

Chi è Nikola Iliev, il jolly della Primavera che ha regalato lo scudetto all’Inter

L’Inter primavera si è aggiudicata il campionato, riuscendo a battere la Roma per 2 a 1 ai tempi supplementari grazie alle reti di Casadei e Iliev. Per i nerazzurri è il decimo trofeo conquistato, raggiungendo così la vetta nell’albo d’oro staccando il Torino fermo a quota 9.

La rete decisiva è stata del classe 2004 Iliev, entrato nel corso della gara e autore di uno splendido gol al 97′.

Il talento nato a Ruse (città turistica del sud della Bulgaria) il 6 giugno del 2004 fu pagato dai nerazzurri 500 mila euro quando aveva appena 16 anni, una cifra importante per un giovane che non aveva ancora mostrato nulla a livello professionistico e per il quale non era possibile fare un contratto professionistico.

Iliev Inter primavera

LE CARATTERISTICHE TECNICHE

Iliev è un trequartista dotato di una notevole tecnica di base e di un altrettanto considerevole struttura fisica, nonché di buone capacità balistiche e di un notevole dribbling. Questo gli consente di essere determinante anche negli spazi stretti. Il giovane bulgaro ha anche ottimi tempi d’inserimento offensivi e uno straordinario controllo di palla.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Inter, il Paris Saint Germain si fionda sull’attaccante nerazzurro!

Il talentino nerazzurro possiede inoltre una grande visione di gioco, una precisione chirurgica nella rifinitura e una buona visione della porta, come testimoniato anche dal gol che ha deciso la Coppa Italia.

IL RUOLO

Il ruolo che più predilige è quello sulla trequarti, per poi partire in progressione palla al piede superando nell’uno contro uno diversi avversari.
Decisivo anche in fase di assistenza, è molto bravo a eseguire dei precisi passaggi filtranti, risultando anche un buon uomo assist.

È un trequartista moderno, capace di giocare sia dietro le punte che sugli esterni con la stessa efficacia.

Il The Guardian lo scorso anno lo ha inserito in una classifica dei 60 migliori calciatori under 18 in giro per il mondo.