Sei qui: Home » News Inter » Italia-Argentina, i 30 convocati di Mancini: presenti due nerazzurri

Italia-Argentina, i 30 convocati di Mancini: presenti due nerazzurri

È stata diramata la lista dei 30 Azzurri convocati per la “Finalissima” di mercoledì 1 giugno contro l’Argentina. Il ct Mancini vuole voltare subito pagina dopo la mancata qualificazione ai Mondiali, e per farlo si affiderà ad un mix tra lo “zoccolo duro” dell’Europeo e qualche importante novità.

Spicca in particolare la convocazione di Wilfried Gnonto, attaccante classe 2003 ex Inter, adesso di proprietà dello Zurigo. Presenti anche due giocatori nerazzurri. Di seguito il comunicato della FIGC:

Italia Mancini convocati

“Prosegue il percorso di avvicinamento degli Azzurri alla ‘Finalissima’, l’affascinante sfida di Wembley contro i campioni sudamericani dell’Argentina.

Dopo la conferenza stampa di Giorgio Chiellini, che ha salutato da capitano della Nazionale l’aula magna del Centro Tecnico Federale (“anche se qui tutti devono tornare se vogliono continuare a lavorare nel mondo del calcio”), gli Azzurri hanno svolto una seduta di allenamento pomeridiana sui campi 3 e 4 di Coverciano. Al termine dell’allenamento, il Ct Roberto Mancini ha diramato la lista dei calciatori che prenderanno parte alla ‘Finalissima’ (un gruppo di 30). I calciatori facenti parte dell’elenco dei convocati al lavoro a Coverciano in questi giorni, non inseriti nell’elenco per Londra, avranno 2 giorni di riposo e rientreranno al CTF la sera del 1° giugno, per aggregarsi al gruppo di rientro nella notte dall’Inghilterra.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Inter, novità sul futuro di Sanchez: lo vuole un club!

Lista per la ‘Finalissima’ (in partenza domattina per Londra):

Portieri: Cragno, Donnarumma, Gollini, Meret

Difensori: Di Lorenzo, Florenzi, Lazzari; Acerbi, Bastoni, Bonucci, Chiellini; Emerson, Spinazzola

Centrocampisti: Barella, Cristante, Frattesi, Jorginho, Locatelli, Pessina, Tonali, Verratti

Attaccanti: Belotti, Bernardeschi, Gnonto, Insigne, Pellegrini, Politano, Raspadori, Scamacca”