Non si placano le polemiche: “Il rigore di Calhanoglu non andava ripetuto!”

Juventus-Inter si è conclusa da circa tredici ore ma continuano le polemiche sulle alcune scelte della terna arbitrale.

Partita molto dura, soprattutto all’inizio, ma l’episodio che ha fatto più discutere, facendo infuriare i bianconeri, è stato quello inerente al rigore concesso ai nerazzurri, sbagliato, ma fatto ribattere e segnato.

Juventus-Inter

Anche Il Corriere dello Sport parla della moviola e boccia arbitro e Var. Sull’episodio del rigore, nel quotidiano romano si legge: “Il primo a intervenire sul pallone è Danilo che non ha anticipato l’entrata in area (come invece ha fatto De Ligt), poi subisce il calcio di Çalhanoglu (che cercava il pallone ma colpisce l’avversario), quindi l’interferenza dell’olandese (punita da Mazzoleni al VAR con la ripetizione del penalty). Insomma, il fallo (di sicuro di confusione) fischiato da Irrati alla fine sarebbe stata la scelta corretta”.

Sul contatto Bastoni-Zakaria, invece, si legge: “Viene lasciata la decisione del campo (fallo, ma fuori area; in realtà dubbi fosse sulla riga e dunque rigore)”

Infine, mancano due doppi gialli, uno per parte, secondo il Corsport: “in ordine cronologico, per Rabiot (intervento in netto ritardo su Lautaro) e per Lautaro (in ritardo anche lui su Chiellini). Irrati, con grande fortuna, può dire di averli trattati alla stessa maniera. Ma possono essere anche due errori gravi”.