Sei qui: Home » Copertina » Inzaghi: “L’Inter non ha paura, sentiamo la responsabilità”

Inzaghi: “L’Inter non ha paura, sentiamo la responsabilità”

Simone Inzaghi ha parlato ai microfoni di Dazn nel post-partita di Inter-Fiorentina. Queste le sue parole.

Primo tempo insufficiente, una squadra come noi deve fare di più. Nel secondo tempo abbiamo fatto meglio: dopo il gol abbiamo creato ma senza concretizzare, è un momento no. Probabilmente il fatto di aver fatto sette punti nelle ultime sette comincia a pesare. La fiorentina ha fatto un’ottima partita e un ottimo primo tempo. Il pareggio non mi soddisfa.

É normale che sentano più responsabilità, a novembre dicembre e gennaio siamo stati perfetti poi abbiamo avuto un calo. Dobbiamo stare tranquilli e lavorare di più: creiamo tanto ma finalizziamo meno di quello per cui eravamo abituati.”

Non mi aspettavo quel primo tempo, venivamo da un approccio simile a Torino e mi aspettavo di più ma io sono l’allenatore e quindi primo responsabile. Nel secondo tempo i ragazzi hanno dato tutto, ma dovevamo fare meglio in determinate situazioni.”

Nella pausa dobbiamo cercare di lavorare, avremo dei giocatori in nazionale ma dobbiamo essere bravi. Con il gol di Sanchez alla fine staremmo parlando di altro. Dobbiamo gestire questo momento no a cui nessuno era abituato, abbiamo tempo per rialzarci.

Tecnicamente abbiamo sbagliato attaccando poco la profondità. Non sono contento del primo tempo. Nel secondo abbiamo preso un gol con Torreira in mezzo a quattro nostri ma non abbiamo sofferto e in attacco abbiamo creato tante occasioni.”

LEGGI ANCHE:  Totti si rassegna: “Dybala? Poteva venire alla Roma”, poi la frase su Lukaku

Sarei più preoccupato se la squadra non creasse e penso che nelle ultime partite nonostante non ci sia stata la vittoria la squadra abbia creato. Senza le vittorie che prima c’erano la squadra è condizionata, è normale. Sostituzione degli attaccanti? Sono fortunato ad averne tanti e quindi posso sostituirli entrambi.”

La Juve l’abbiamo già affrontata due volte in questa stagione. Sono un grande avversario ed ora abbiamo 15 giorni prepararci nel migliore dei modi.

Simone Borghi