Sei qui: Home » News Inter » Bonolis punge la Juventus: “Dovrebbero cambiare stemma e metterci una giraffa”

Bonolis punge la Juventus: “Dovrebbero cambiare stemma e metterci una giraffa”

Intervistato ai microfoni di Violanews.com, il noto conduttore televisivo Paolo Bonolis ha commentato, nel suo stile, l’uscita dalla Champions della Juventus.

Ha poi speso qualche parola anche sul prossimo incontro di campionato che vedrà l’Inter opposta alla Fiorentina.

Ecco le sue dichiarazioni:

SULLA JUVENTUS – “Ho sentito una battuta carina sui bianconeri, qualcuno consigliava di cambiare l’animale di rappresentanza, di togliere la zebra e mettere la giraffa visto che sono tanti anni che escono a testa alta. Noi interisti tendiamo a essere, nel massimo rispetto, antijuventini. Bisogna avere dei nemici, anche se trattati con grande rispetto. Sinceramente avrei preferito che Madama si facesse un altro giro in Champions, che è una competizione usurante. Non mi aspettavo uscissero col Villareal. Almeno noi possiamo consolarci di essere usciti col Liverpool, una squadra accreditata per la vittoria finale“.

Juventus Champions Bonolis

SULLA FIORENTINA – “Entrambe le squadre tendono ad essere propositive, quindi la gara si prospetta divertente. La Fiorentina gioca per attaccare, non l’ho mai vista chiusa a riccio. Stessa cosa l’Inter con Simone Inzaghi. Quindi chissà che non sia una sfida che si chiuderà con un punteggio particolare. Poi magari il campo ci racconterà altro, il calcio è così“.

LEGGI ANCHE:  Roma, Tiago Pinto: "Inter o Udinese è la stessa cosa, serve vincere"

SU BROZOVIC – “Spero riesca a rientrare. È il metronomo e il perno di tutto il meccanismo offensivo e difensivo. Non perché sia il più forte del mondo, ma perché è un grandissimo professionista, fa tanti chilometri ed è l’unico che abbiamo con quelle caratteristiche. Uscito lui gli altri possono solamente adattarsi a quel ruolo. Nel caso non ci fosse, l’Inter potrebbe anche cambiare modulo. Magari andando su un 4-2-3-1 o un 3-2-3-1. Un modulo diverso per mantenere la difesa coperta e giocare con calciatori differenti davanti“.