Inzaghi in conferenza: “Lautaro? Momento no come Immobile o mio fratello. Sconfitta pesante”

Simone Inzaghi ha parlato in conferenza stampa dopo la sconfitta di San Siro contro il Sassuolo. Queste le sue parole, riportate da fcinternews.

Concesso troppo all’inizio?
Sì, era la cosa che dovevamo fare meglio contro una squadra tecnica e di ripartenza, che aveva già vinto su campi difficilissimi. Sono arrabbiato per l’approccio. Poi abbiamo avuto una bellissima reazione, creando tantissimo, meritando di riaprirla. Poi nel calcio può succedere di tutto.

Sei preoccupato per qualche prestazione individuale?
No. Ero molto arrabbiato alla fine del primo tempo perché volevo un approccio diverso. Ho tentato una scossa con un paio di cambi, ma avrei voluto farne di più. Dobbiamo analizzare con calma e capire i motivi. Mercoledì avevamo speso tanto, ma oggi era importante. Poi vediamo che è dura per tutti, siamo tutti lì in pochi punti.

Simone Inzaghi

Preoccupato del fatto che questa squadra sembra non riuscire a cogliere i momenti decisivi come nel derby?
Senza dubbio. Non era l’avversario migliore da affrontare dopo la gara di mercoledì. E avevamo anche defezioni importanti. Ma non voglio alibi, dovevamo iniziare in un altro modo. Poi per la ripresa non ho nulla da dire.

Sei stato attaccante: su Lautaro, sembra sia meno attento del solito. Oggi un gol sbagliato in modo particolare.
Vale per tutti gli attaccanti, è questione di momenti. Ricordo successe anche a Immobile o a mio fratello. Deve solo lavorare, anche perché non siamo abituati a non segnare per due gare. Siamo arrabbiati, ma testa già a venerdì.”

Simone Borghi