Sei qui: Home » News Inter » Inter, senti Eto’o: “Ai dirigenti nerazzurri consiglio lui”

Inter, senti Eto’o: “Ai dirigenti nerazzurri consiglio lui”

Samuel Eto’o, ex attaccante camerunense dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Tuttosport in vista del Derby d’Italia. Ha poi detto la sua sulla questione portieri.

Domani c’è Inter-Juventus: a quale derby d’Italia è più affezionato?

Al 2-0 di San Siro del 2010, quello in cui andiamo in gol Maicon ed io.

Che Inter-Juventus si aspetta domani?

Spero sia una bella partita e soprattutto che vinca l’Inter! I nerazzurri hanno una squadra competitiva e un ottimo allenatore: mi sembra non manchi nulla per continuare a conquistare titoli.

E la Juventus?

Ha un grande allenatore come Allegri, esperto e vincente, e anche se è andato via Cristiano Ronaldo è sempre la Juventus, un mix di giovani di qualità e giocatori esperti.

Il suo preferito nell’Inter e nella Juventus?

Il preferito l’ho soltanto nell’Inter… Dico Handanovic, perché avere un portiere forte è importante per conquistare trofei.

Samuel Eto’o

A proposito di portieri: si parla del suo connazionale Onana (in scadenza di contratto con l’Ajax) per l’Inter del futuro. Le chiedessero dei consigli?

LEGGI ANCHE:  "Inter-Barcellona, partita della svolta?": Inzaghi predica calma!

A Onana consiglierei l’Inter e ai dirigenti nerazzurri Andre, un portiere da top club.

I due numeri 9 di Inter e Juventus sono Dzeko e Morata: voto?

Voto alto per entrambi. Spero abbia la meglio Dzeko perché vorrebbe dire che vince l’Inter, ma ho sempre apprezzato parecchio Morata.

A chi paragonerebbe Lautaro Martinez e in Dybala vede qualcosa del suo amico Messi?

I paragoni sono sempre difficili. E poi, sinceramente, Lautaro mi sembra abbastanza unico come caratteristiche. Dybala? Il talento non si discute, può fare la storia della Juve. Ma Messi è Messi, unico e inimitabile.

Cosa ha pensato quando ha visto la sconfitta per 6-1 in Norvegia della Roma di Mourinho?

A tutti i tecnici, anche ai più grandi come Mou, succede di perdere. Non è un risultato che cambia un allenatore. José è sempre il top e lo sta dimostrando anche alla Roma!