Nainggolan, le sue dichiarazioni sono sibilline: "Non so ancora il mio futuro"

Nainggolan, le sue dichiarazioni sono sibilline:

Radja Nainggolan non è mai banale. Non lo sono le sue giocate e non lo sono, tantomeno, le sue dichiarazioni. Oggi ha prestato la sua voce ai colleghi di Sky Sport.

L'intervista che ha concesso, ci lascia tanti spunti di riflessione. Anche perchè sono altrettanti i temi trattati: si parte dal suo imminente futuro, si passa attraverso una considerazione riguardo l'accoppiata Spalletti-Napoli e si termina con una battuta su Lukaku, gli ostacoli che l'Italia dovrà arginare nella serata di oggi, se vorrà approdare tra le prime 4 d'Europa.

Non manca anche una piccola dose di autocritica in quest'intervista. Di seguito vi riportiamo le sue parole.

FUTURO - "Ad oggi non so ancora dove sarà il mio futuro: se sarà a Cagliari, cercherò di portare questa squadra il più in alto possibile. Se sarà all'Inter, di cui oggi sono un giocatore effettivo, cercherò di giocarmi le mie chance. Potrei rimanere qua, in Sardegna, ma ci sono tanti dettagli da limare ancora".

SPALLETTI-NAPOLI - "Io al Napoli con Spalletti? Ho 33 anni, vivo bene e sereno: non devo stravolgere la mia vita. Spalletti, a Napoli, può fare un grandissimo calcio, gli azzurri hanno tanti giocatori di qualità e sarà una squadra molto molto fastidiosa".

BELGIO E LUKAKU - "Lukaku è nato e cresciuto in Belgio. Conosco bene la sua storia e sua madre, a cui è molto legato. Se gli chiedi se è belga, ti dice di sì ma si sente anche straniero: si adatta ovunque, parla tantissime lingue, mi piace molto come ragazzo. È cambiato molto, prima era giocherellone, invece ora è molto focalizzato sul calcio: ha cambiato mentalità, cosa che ad esempio io non ho mai fatto".

Siamo su Google News: tutte le news sull' Inter CLICCA QUI

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram