Conte: "Svolta scudetto dopo il sorpasso sul Milan. La Champions il mio obiettivo."

Conte:

Dopo le anticipazioni uscite nei giorni scorsi, è in onda l'intervista completa di Antonio Conte ai microfoni di Dazn. Di seguito le sue parole:

Come ti trovi a Milano?
"Molto bene, avrei voluto viverla di più per la questione del Covid e per il fatto che siamo dovuti rimanere a casa. Ma Milano è una bellissima città. Mi sono ‘milanesizzato’ con le mie origini pugliesi. Uno può andare da qualsiasi parte, ma le origini te le porti sempre dietro e sei orgoglioso".

La svolta in nerazzurro
"A livello di campionato il momento decisivo è stato quando abbiamo sorpassato il Milan. In quel momento devi reggere la pressione, perché da cacciatore diventi lepre. E devi capire che da quel momento in poi tutto dipende dal tuo risultato. Non dipendi da niente e da nessuno ma sai che vincendo metti pressione su tutti. Poteva esserci un po’ di ansia da primo posto in classifica. Invece noi abbiamo accelerato. E credo quello sia stato il momento decisivo perché da lì in poi, chi era dietro ha faticato perché vedeva che chi stava davanti continuava a vincere".

Hai mai cantato ‘O mia bela Madunina’?
"La conosco". Però con la voce hai lavorato... "Gli inizi di carriera sono stati terribili, finivo la partita senza voce e quando andavo a parlare facevo fatica. A volte mandavo l’assistente. Adesso ho lavorato da questo punto di vista. Poi bevo molto durante le partite, mi idrato e arrivo al post con un minimo di voce. Mi è sempre piaciuto cantare, ma da quando ho iniziato ad allenare sono diventato stonato. Prima mi piaceva, avevo anche la pianola a casa, mi piaceva molto. Sicuramente Ligabue era uno dei miei preferiti".

Qual è Sacro Graal per il Conte allenatore?
"Vincere la Champions è il mio obiettivo e spero di raggiungerlo quanto prima".

Antonio Conte riesce a dormire la notte?
"Faccio fatica, quando sei allenatore sei responsabile di un gruppo di non solo calciatori. L’allenatore è responsabile un po’ di tutto e quando lo sei vai a dormire con i pensieri. Scacciarli e riuscire ad addormentarti non è proprio semplice, mi è capitato che nel pensare al dopo la vittoria mi sono tra virgolette rovinato il momento in cui ti devi gustare i sacrifici fatti. Quando vinci sai che c'è stato un percorso e quando vinci è giusto festeggiare: il festeggiamento devi portartelo dentro perché sai che i sacrifici portano a momenti di gioia totale e di grande serenità".

Hai trovato un equilibrio tra famiglia e lavoro?
"Ho mia figlia che è appassionata al papà, non al calcio. Ci tiene e sa che l'umore dipende anche dall'andamento della partita. Fare l'allenatore sicuramente non è semplice, soprattutto se lo vuoi fare a grandi livelli: le pressioni, le aspettative e lo stress è veramente tanto, devi essere bravo a conviverci perché ti senti sempre solo. Consigli a Pirlo? Non mi ha chiesto consigli, altrimenti gliel'avrei detto. Io non consiglierei di fare l'allenatore, ma di rimanere nel calcio con altre mansioni. Ce ne sono tante. Balzaretti? L’opinionista è la cosa migliore". 

Il tuo primo presidente da allenatore, Cosimino Conte, tuo papà.
"Parlare di papà mi emoziona sempre. Primo presidente, primo allenatore, la mia famiglia è stata importante. Prima venivi 'buttato' in strada perché papà e mamma dovevano lavorare. Prima c'era la strada che ti faceva crescere, la famiglia era importante ma in strada ti dovevi difendere, avevi a che fare non solo con bravi ragazzi ma anche con potenziali delinquenti. La famiglia è stata molto molto importante per me, ma papà e mamma hanno avuto un ruolo importante. Papà è sempre molto chiuso, però so che è molto orgoglioso".

Su Mazzone:
"Un grandissimo maestro per me, ho segnato il primo gol in Serie A con lui. A 19 anni mi massacrò e ci rimasi male: eravamo in 10, gli avversari in 11, mi fece entrare ma c'era un assedio dell'altra squadra. A fine gara mi disse: 'Sei entrato male', mi ferì tanto ma ho capito che però era a fin di bene, era un messaggio anche per gli altri. Mazzone è stato un maestro, un maestro della carota e del bastone. Quando usava il bastone, lo faceva roteare alla grande. Anche io faccio così? No, io sono più bravo. Lui nel pre e nel post partita era tosto, se ti prendeva ti alzava solo con un amano. Fascetti e Mazzone son due persone che mi porto nel cuore c che ringrazierò sempre".

Faccio finta di essere a capo di un’azienda: perché dovrei assumerla?
"Dovrebbe scegliere me perché sono un vincente, sono una garanzia dal punto di vista lavorativo e umano. Fossi io a capo dell'azienda, mi affiderei l'incarico".

E allora mi dica il suo più grande pregio e il più grande difetto:
"Il pregio è che do tutto me stesso, non mi risparmio e posso valorizzare al massimo l'azienda. Non penso di avere difetti da questo punto di vista perché chi dà sempre il massimo per il posto in cui si lavora non può avere grandissimi difetti. Devi avere la giusta presunzione, la giusta arroganza, però deve essere sempre figlia del tuo lavoro, del tuo impegno e della tua onestà. Forse sono troppo onesto, ma non lo reputo un difetto, per me è un pregio".

Siamo su Google News: tutte le news sull' Inter CLICCA QUI

Giorgio Rapisarda
Leggi i suoi articoli
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram