Juventus-Inter, le pagelle: nerazzurri spenti, riscatto Lautaro

186965871 563266294644402 3533747472815324161 N
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’Inter perde la prima partita del suo girone di ritorno incassando un 3-2 allo Stadium contro la Juventus, ancora in corsa per la Champions. Ecco le pagelle degli uomini di Conte.

JUVENTUS-INTER, LE PAGELLE

Handanovic 5.5: Sfortunato soprattutto sul primo rigore, visto che la palla gli carambola sul piede e diventa un assist per Ronaldo. Poi, però, è decisamente poco reattivo sul tiro deviato di Cuadrado.

Skriniar 6: Molto bravo nell’uno contro uno con avversari ben più veloci di lui, soffre pochissimo sulle palle alte e alla fine è uno dei migliori, nonché uno degli ultimi ad arrendersi.

De Vrij 6: L’olandese, insieme ai suoi compagni di reparto, ferma Ronaldo dando poche occasioni agli avversari di segnare. L’Inter, infatti, cade soltanto per singolari episodi.

Bastoni 6: L’ex Atalanta gioca una buona partita stando attendo soprattutto a non incassare, mentre è meno libero di avanzare e provare quei lanci che tanto hanno fatto male all’andata. (Dall’80’ Vecino 6: entra per dare più pericolosità ai nerazzurri e infatti va vicino al pareggio con un colpo di testa su cui Szczesny è miracoloso).

Hakimi 5.5: Con la Juventus in inferiorità numerica ha maggiore libertà di sfondare. Anche quando lo fa, però, non è sempre preciso nell’ultimo passaggio, fondamentale in cui deve ancora migliorare per diventare ancora più devastante.

Barella 6: Il più positivo a centrocampo, dato che è l’unico a rispondere davvero con fisicità, corsa e qualità ai mediani bianconeri ben più agguerriti di lui.

Brozovic 5: Il croato soffre di fronte alla velocità degli avversari bianconeri, ma va spesso in difficoltà e termina la partita con un rosso obbligatorio per fermare l’avversario lanciato a rete. Finisce il suo campionato, che lo ha visto protagonista.

Eriksen 5.5: Il danese stavolta non brilla. Non è incisivo e prova anche su calcio di punizione, ma senza impensierire davvero Szczesny. Un perdonabile passo indietro a fronte di un grande girone di ritorno. (Dal 73′ Sensi 6: entra con la Juventus schierata dietro a causa del cartellino rosso, cerca di sfondare il muro bianconero con le sue giocate, ma riesce solo a completare semplici passaggi).

Darmian 5: Si fa beffare su Chiellini in occasione del rigore dell’1-0, visto che il difensore bianconero prende posizione e viene steso in area. Nel resto del match è timido. Sostituito a fine primo tempo. (Dal 46′ Perisic 5: entra per fare meglio di Darmian, ma la situazione non migliora. Poco aggressivo sulla sinistra e ha sulla coscienza l’episodio che fa perdere la partita all’Inter. Magari Cuadrado esagera, ma il contatto c’è e il croato non difende nel modo giusto).

Lukaku 6: Come in ogni partita contro i bianconeri, soffre Chiellini e di fatto viene annullato. Si riscatta con il rigore del momentaneo 1-1 ed è protagonista in modo quasi casuale del 2-2.

Lautaro 6.5: L’argentino risponde alla pessima prestazione con la Roma e alle susseguenti critiche con una grande prestazione, nella quale è mancato solo il gol, sfiorato tra l’altro con un gran destro a giro.

Conte 5.5: Nonostante i segnali della vigilia e la formazione tipo (a parte Darmian per Perisic), la squadra non entra in campo con la determinazione che avrebbe avuto se si fosse giocata un obiettivo reale. I singoli episodi penalizzano i nerazzurri, ma nessun dramma. Ora c’è da battere l’unica squadra imbattuta, l’Udinese. Poi sarà tempo di festa e di programmazione del futuro.