Bastoni: “L’eliminazione dalla Champions ci ha cambiato la stagione. Suning? Ci appagano i risultati del campo”

Fonte: Screen YouTube
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Lunga intervista concessa da Alessandro Bastoni, ai microfoni de La Stampa. Queste le parole del difensore nerazzurro.

“La cima non la vedo. L’ho imparato da mio padre: mai accontentarsi. Scudetto? Alt. Quella parola all’Inter è vietata. Tatuaggio in caso di vittoria? Con gran piacere. Manca tanto, però. E nel calcio ci vuole niente a passare da tutti bravi e belli al fango”.

“L’uscita dalla Champions? Una batosta che ci ha cambiato la stagione. Dopo il Real Madrid c’è stato un confronto collettivo per capire dove fossero gli errori. Lì è cominciata la svolta, con un senso di responsabilità rafforzato, con la cattiveria che Conte ci ha trasmesso”.

“Fuori dalle coppe siamo decollati in campionato? Questione di testa. E di tattica: concedevamo troppo, col baricentro più basso siamo riusciti a vincere partite che ci sfuggivano. Sappiamo di poterci fidare l’uno dell’altro. La Juve è l’avversaria da battere, lo è sempre stata. Il ko in Champions sarà uno stimolo in più. Resta il riferimento: l’obiettivo è finirle davanti”.

“La partita contro il Torino? Non diamo nulla per scontato. Chi è nei guai tira fuori qualcosa di più. L’ho provato anch’io a Parma”.

Con Conte abbiamo avviato un progetto a lungo termine. Confesso: è stata una sorpresa che abbia puntato presto su di me. Spero resti a lungo“.

“Qui sto davvero bene. È la mia seconda casa e non ci saranno problemi a prolungare il contratto. Magari coronando poi un altro sogno: capitano della squadra del cuore. Suning? Mai stato un problema: ci appagano i risultati del campo. Credo sia un bel messaggio per chi crede che si giochi per i soldi. Sono passione e voglia di vincere a prevalere su tutto. Altrimenti bisognerebbe cambiare mestiere”.