Conte in conferenza: “Da qui alla fine saranno 14 finali. Vidal? Si sta allenando”

cONTE
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Antonio Conte è atteso nei prossimi minuti ad Appiano Gentile dove, come di consueto, interverrà nella conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Parma. SpazioInter, come sempre, ne offrirà la diretta testuale.

Ci aspettiamo una gara difficile, il Parma ci ha creato delle difficoltà, abbiamo vinto una sola volta. Affrontiamo una squadra che ha una classifica pesante però ha elementi di esperienza, veloci, tecnici, un ottimo tecnico come D’Aversa. Serve il giusto approccio, la giusta attenzione”.

“Penso che in fase realizzativa dobbiamo esser più cattivi, creiamo tanto, con tutta la squadra. Sia nei calci da fermo che in tutte le situazioni dobbiamo essere più precisi, per sfruttare tutte le situazioni per essere più cinici”.

“La squadra è cresciuta, le pressioni saranno sempre maggiori. Quest’anno siamo in testa, dovremmo essere bravi nel gestire tutto nella giusta maniera e dimostrare di aver raggiunto la maturità giusta“.

Vidal? Si sta allenando, da quando è arrivato ha avuto un po’ di problemi fisici. È un ragazzo generoso che non si è mai voluto fermare restando sempre a disposizione. Lo ammiriamo e lo ringraziamo, era giusto però che iniziasse a cercare di arrivare all’80% della sua condizione. È a disposizione, può giocare un minuto, mezz’ora, può non giocare”.

“Penso che c’è un dato di fatto rispetto allo scorso anno. Abbiamo battuto la squadra che ha vinto per 9 anni. Questo è importante, la scorsa stagione ci avevano battuto all’andata e al ritorno consolidando il loro strapotere. Quella vittoria ha dato consapevolezza alla squadra. La squadra cresce nei singoli, nell’organizzazione, è cresciuta sotto tutti i punti di vista. Mancano 14 partite, dovremmo dimostrare di essere cresciuti totalmente, c’è solo un modo per dimostrarlo, ovvero vincere“.

“Ogni partita nasconde delle insidie dal punto di vista tattico, ci sarà da mantenere un buon ritmo. Ogni partita deve essere una finale. Più si avvicina la fine entrano in gioco fattori psicologici, di mentalità. Dobbiamo fare un passo in avanti definitivo”.

Alexis è un giocatore che adesso è nella situazione psicofisica migliore da quando è arrivato all’Inter. C’è voluta pazienza da parte sua e nostra. Adesso è un calciatore che è nel miglior momento di forma. Vedo degli sprazzi del vecchio Alexis. Ha continuato ad allenarsi. Anche Romelu e Lautaro sanno che dietro hanno un giocatore che può dare un grande apporto alla squadra”.

“I diffidati? Per adesso contro il Parma è la partita più importante della stagione. Non facciamo calcoli, non mi interessa. Tutti devono giocare con la stessa attenzione. Se dovesse arrivare un giallo giocherà un altro. Non vedo il motivo di fare calcoli stupidi e perdere punti per strada“.

“Cerchiamo sempre di far viaggiare veloce il pallone, onestamente penso che abbiamo fatto delle ottime partite anche in passato. Se siamo qui non è per le ultime partite giocate. La differenza rispetto al passato è che adesso non prendiamo gol. Prima eravamo più sbilanciati, più offensivi”.