Il legale del Milan: "Ibra ha detto «donkey», non esiste razzismo"

Il legale del Milan:

Il legale del Milan Leonardo Cantamessa ha parlato del famigerato scontro tra Ibrahimovic e Lukaku. E non ha risparmiato una frecciatina all'Inter di Antonio Conte.

CANTAMESSA: "PENSARE AL RAZZISMO È ASSURDO E GROTTESCO"

In un'intervista ai microfoni di Radio Punto Nuovo, Cantamessa ha detto la sua sullo scontro adesso al vaglio della Procura Federale. Ecco le sue parole sull'apertura dell'indagine: "Se si guarda l'evento e non la sua eco, sarebbe un nulla di fatto. Sono entrambi grandi giocatori, con una differenza: il Milan ha dimostrato di poter fare bene senza Ibrahimovic, l'Inter non può far a meno di Lukaku".

Sulle parole effettivamente pronunciate dallo svedese: "Non gli ha detto «monkey» ma «donkey» che letteralmente vuol dire «asino» ma nel gergo sportivo significa «scarso»". Segno che non si sarebbe trattato di razzismo come ci tiene a specificare: "La storia dei riti voodoo è stata tirata fuori dal presidente dell'Everton per cose che riguardavano lui e Lukaku. Non esiste razzismo nelle parole di Ibrahimovic", afferma il legale rossonero.

Cantamessa chiosa così sulla questione: "Pensare che uno che è vissuto in una sorta di ghetto dica frasi razziste è assurdo e grottesco". Nelle prossime settimane si saprà se anche la Procura Federale, che venerdì ha ascoltato Ibrahimovic, sarà dello stesso parere di Cantamessa.

Siamo su Google News: tutte le news sull' Inter CLICCA QUI

Giovanni Palmisano
Leggi i suoi articoli
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram