TS – Suning-Bc Partners trattativa a fari spenti: la partita non è ancora chiusa

Fonte: profilo Instagram Steven Zhang
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’edizione odierna di Tuttosport fa il punto sul futuro societario dell’Inter. Secondo quanto scritto dal quotidiano: “nonostante le indiscrezioni circa un rifiuto da parte della famiglia Zhang per una proposta ritenuta troppo bassa, le parti hanno deciso di spegnere i riflettori sulla trattativa, segno di come la partita sia tutt’altro che chiusa anche perché il fondo ha seguito in toto le indicazioni arrivate da Goldman Sachs Asia, advisor a cui si è rivolto Suning per la ricerca di soci

Secondo il quotidiano torinese, il fondo londinese avrebbe alzato l’offerta, inizialmente di 750 milioni, fino ad una cifra vicina agli 800 milioni comprendente anche il debito di oltre 400 milioni: “La pratica sarà presa in cura dal Consiglio di amministrazione di Suning, senza dimenticare il fatto che ogni decisione deve passare pure da Taobao, controllata di Alibaba, che ha ricevuto in pegno da Suning il controllo dell’Inter. Una trattativa che, oltre alla valutazione data dal club, riguarda, a 360°, la percentuale di azioni da cedere, la governance, il potere di nomina dei dirigenti principali, la composizione del Cda e la struttura finanziaria dell’operazione” leggiamo

È chiaro, però, che Suning non ha intenzione di lasciare il club nel momento in cui la squadra potrebbe conquistare uno storico scudetto. Per questo il primo obiettivo, spiega Tuttosport, è quello di assicurare i 200 milioni tramite un aumento di capitale che può aiutare il club a saldare le spese. Sullo sfondo, invece, resistono gli svedesi di EQT e il fondo Mubadala.