Conte in conferenza: “La miglior performance di Skriniar? Le buone prestazioni aumentano l’autostima”

conte
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Così Antonio Conte ha risposto alle domande postegli durante la conferenza stampa post Inter-Bologna.

Conte: “Avevamo bisogno di questo tipo di vittoria”

Vittoria importante per prepararsi allo Shakhtar?
“Assolutamente sì, sicuramente la vittoria e la prestazione attenta e determinata sono sicuramente un buon viatico. Avevamo bisogno di questo tipo di vittoria perché vincere aiuta all’autostima e alla consapevolezza dei propri mezzi, ti fa capire che stando sul pezzo e avendo voglia, determinazione e ferocia sin dall’inizio siamo una squadra difficile da affrontare. Credo che arriviamo nella giusta maniera alla partita con lo Shakhtar ma dobbiamo essere attenti a non lasciare spazi in contropiede perché sono micidiali. Hanno giocatori veloci, verranno a giocarsi una partita come fatto a Madrid. Stiamo crescendo sotto tutti i punti di vista”.

È stata la miglior performance di Skriniar?
“Milan sta lavorando tanto e secondo me è un giocatore che sta crescendo come D’Ambrosio, Bastoni, Ranocchia, De Vrij… Sa benissimo che ha i mezzi per fare bene, è inevitabile che buone prestazioni aumentano autostima e fiducia nei propri mezzi. Sono contento perché Milan è un ragazzo serio e un gran professionista. Sono contento perché quando entriamo con la giusta garra e cazzimma diventa difficile giocarci contro e noi dobbiamo portare questa situazione ad aumentare partita dopo partita”.

Sanchez è più efficace come trequartista o attaccante puro?
“Oggi l’ho utilizzato più come trequartista perché il Bologna oggi si era un po’ snaturato mettendosi a specchio. Ho optato per questa soluzione perché volevo che tra le linee si trovasse la giusta palla avendo un punto di riferimento come Romelu che gli girava intorno. In questo momento è più un trequartista ma al tempo stesso anche punta. Mi aspetto di più in fase realizzativa da parte sua, io gli dico sempre di tirare, a volte vuole cercare l’assist, però sta crescendo pure lui. Sta avendo spazio e opportunità, diventa letale a partita in corso e lo sto alternando con Romelu e Lautaro per far rifiatare e ruotare tutti. Perché se ricordate quando l’ho sfruttato troppo si era affaticato”.