GdS – Conte: “Fame di vittoria, lavoro, identità: ecco la mia Inter per tornare dove meritiamo”

Conte 5
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’allenatore dell’Inter Antonio Conte, non sta passando un buonissimo momento, al cospetto di ciò che ci si aspettava dopo i traguardi raggiunti nella scorsa annata. Tra delusione nel derby e un ultimo posto nel girone di Champions, il tecnico leccese è sicuro di intravedere una via per la rinascita della sua inter, e in una lunga intervista per La Gazzetta dello Sport, ha commentato la situazione attuale della sua squadra.

“L’immagine dell’Inter da parte degli avversari è cambiata, e questo significa che abbiamo fatto bene. Ma anche che le partite contro di noi vengono preparate diversamente: giocano tutti alla morte e con la massima concentrazione. Questo campionato è più difficile rispetto a quello scorso. Dobbiamo essere bravi a cogliere i momenti giusti in partita, sprecare meno, evitare ogni distrazione. In una parola, crescere. Il livello di guardia degli avversari si è alzato e bisogna capirlo bene”.

Alla domanda sul passaggio del girone di Champions, Conte è fiducioso: Serve una impresa. Ma abbiamo dimostrato nelle tre partite giocate, nonostante i risultati non ci abbiano sorriso, di poterci stare. E faremo di tutto per restarci.

Un commento su Eriksen e sulla forma di Vidal:Tutte le scelte che faccio sono sempre e solo per il bene dell’Inter non per quello del singolo giocatore. Vidal è un grande giocatore, in campo sa sempre cosa fare. Avrebbe bisogno di due settimane di allenamenti full immersion, ma si gioca continuamente e quindi dovrà prendere la forma migliore giocando.
Però Arturo non si discute
.