GdS – Inter e Juve troppi errori, rischiano un anno di transizione

perisic vidal lazio
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Come riporta nell’edizione odierna La Gazzetta dello Sport, Juve e Inter lo scorso anno già dominavano la classifica, rispettivamente i bianconeri davanti ai nerazzurri. Ora inseguono il Milan a distanza. Un anno fa Juve in testa nel gruppo di Champions e l’Inter seconda con il Borussia, dopo una sconfitta tra gli applausi a Barcellona: ora i bianconeri sono crollati contro Messi e i nerazzurri ultimi sono a rischio eliminazione.

Secondo la rosea, l’Inter non è “né dominata né felice, senza istinto killer”. Cinque sono i punti su cui l’Inter di Conte deve lavorare e ripartire per tornare grande:

Poca personalità: l’Inter ha momenti di gioco e di dominio del match da grande squadra, ma concede sempre all’avversario la possibilità di salvarsi, di rientrare in partita;

De Vrij in calo: oggi in affanno molto più di quanto non avesse abituato Conte;

Da Vidal passa il futuro. Voluto fortemente dal tecnico leccese, a Bergamo ha mostrato segnali di grande crescita, anche dal punto di vista fisico, ma vederlo a 0 gol e 0 assist potrebbe presentare un problema nel corso della stagione;

Un centrocampista e la quarta punta, i nodi irrisolvibili: il club non è riuscito a colmare tutte le lacune, almeno non tutte quelle che aveva indicato l’allenatore. Ritocchi mancanti, sia in entrata sia un uscita. Il nome di Kanté, o in alternativa un profilo tecnico simile, era quel che chiedeva Conte per completare tecnicamente il reparto;

Troppi gol subiti: La sentenza è arrivata da Marotta: “Subiamo troppi gol”. Contro l’Atalanta l’Inter ha fatto uno scatto in avanti, in questo senso, subendo poco o nulla almeno fino all’1-1. Un anno fa l’Inter aveva chiuso con zero reti subite per quattro volte, nelle prime sette giornate. Quest’anno è accaduto solo col Genoa.