Conte: “Hakimi? Mercoledì è successo qualcosa di anomalo e strano”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Al termine di Genoa-Inter, partita vinta dai nerazzurri che finalmente ritornano a conquistare i 3 punti, Antonio Conte si è lasciato anche andare a dei commenti riguardanti la situazione vissuta mercoledì riguardante Achraf Hakimi.

Conte: “Abbiamo cercato di minimizzare per concentrarci sull’evento sportivo”

Davvero strana la situazione vissuta questa settimana da Achraf Hakimi. L’esterno ha dovuto infatti saltare le delicatissima partita di Champions League mercoledì, a seguito della positività al COVID-19 riscontrata dal tampone a cui era stato sottoposto.

Non è stato facile, per i nerazzurri, fare a meno del marocchino, e la cui assenza si è fatta molto notare in campo.

È proprio per questo che il risultato del secondo tampone a cui è stato sottoposto Hakimi la scorsa settimana ha lasciato esterrefatti molti tifosi nerazzurri.

Tra questi, Antonio Conte, che sulla vicenda si è espresso così: È successo qualcosa di anomalo e strano. Al mattino si è allenato con noi, il pomeriggio alle 5 il dottore e Oriali mi hanno bussato in camera per dirmi che era negativo-positivo. Con tutte le ripercussioni della situazione perché c’è da tranquillizzare l’ambiente e i calciatori: chi gli era stato vicino era preoccupato. Abbiamo cercato di minimizzare nella gravità della situazione per concentrarci sull’evento sportivo.

Però è successo qualcosa di troppo strano perché il ragazzo per fortuna è negativo. Dispiace perché comunque vorresti non avere questo tipo di imprevisti, ma al tempo stesso dico anche che oggi l’aspetto sportivo deve interessare ma quello che c’è al di fuori deve farti stare più tranquillo e sereno”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook