Condò: “Lukaku non voleva rimanere più a Manchester, troppi gruppi in spogliatoio”

Condò
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Paolo Condò ha sottolineato la coesione del gruppo nerazzurro, prendendo come spunto uno degli elementi portanti dello spogliatoio, Romelu Lukaku.

CONDÒ: “ALLO UNITED LUKAKU NON RICEVEVA PALLA DA POGBA E MARTIAL”

Negli ultimi mesi molti calciatori dello United si sono trasferiti in Italia, precisamente sette giocatori, tra cui Young, Smalling, Lukaku, Dalot, Sanchez, Andreas Pereira e Darmian. Secondo Repubblica, il giornalista ha sottolineato come le performance di questi calciatori siano diverse ora rispetto a prima.

Ecco il pensiero del giornalista:

“Se i problemi dovessero continuare, nella prossima finestra di mercato potremmo vedere l’attacco nei confronti di Matic. Inoltre c’è da risolvere la questione contratto di Pogba, in scadenza nel 2021. I giocatori, poi, tra loro si parlano. Lukaku si era stufato dello United perché Pogba e Martial stentavano a passargli la palla, sintomo di uno spogliatoio diviso in gruppi. Quando Sanchez e Young, prima di firmare, gli hanno chiesto come si stesse all’Inter, la prima risposta è stata “benissimo, non ci sono clan”. Sono proprio cambiati i tempi”.