Godin: “Inter? Ho dovuto cambiare mentalità ma ho superato la sfida”

godin screen
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

In un’improvvisata conferenza stampa con domande via Whatsapp, Diego Godin è tornato a parlare della sua esperienza all’Inter. Dopo un’avvio a rilento, nel quale era stato superato nelle gerarchie da Alessandro Bastoni, l’uruguaiano era lentamente tornato su buoni livelli. Non è bastato il finale di stagione in crescendo per convincere Conte a trattenerlo. Nessun rancore per il nuovo acquisto del Cagliari

Godin sulla difesa a 3: “Mi richiedeva uno sforzo maggiore”

Dopo un’avvio a rilento, nel quale era stato superato nelle gerarchie da Alessandro Bastoni, l’uruguaiano era lentamente tornato su buoni livelli. Non è bastato il finale di stagione in crescendo per convincere Conte a trattenerlo. Nessun rancore per il nuovo acquisto del Cagliari

All’Inter ho dovuto cambiare il mio modo di giocare per adattarmi a un sistema diverso (la difesa a 3 n.d.r.). Ho cambiato mentalità per poter portare in campo il lavoro dell’allenatore e questo mi richiedeva uno sforzo fisico maggiore di quello a cui ero abituato. Sono stato in grado di superare questa sfida con me stesso e adattarmi. In Nazionale ora posso portare l’entusiasmo del primo giorno oltre all’esperienza di di tre gironi di qualificazione“.

Poi ha detto la sua sugli interisti Alexis Sanchez e Arturo Vidal, prossimi rivali nelle qualificazioni ai mondiali di Qatar 2022: “Alexis l’ho vissuto da vicino, ha un entusiasmo impressionante. Bisognerà fare attenzione perché in ogni zona del campo può fare la differenza. Vidal non è stato mio compagno in nerazzurro, ma lo conosco come avversario: è uno competitivo, con tanta qualità“.