SM – Analisi del mercato dell’Inter: son rimasti due nodi da risolvere

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Sport Mediaset fa il punto sul mercato dei nerazzurri concluso senza il botto finale, ma con quello, fragoroso, di Hakimi portato a casa a fari spenti.

LE CERTEZZE

“Una freccia, un guerriero e due domande” inizia così l’analisi di SM, che mette in copertina la freccia Hakimi, arrivato dal Real Madrid per 40 milioni più 5 di bonus e considerato come l’acquisto più importante della finestra di mercato.
Il guerriero, Arturo Vidal, è colui che è stato chiesto a gran voce dal tecnico pugliese per circa un anno ed è arrivato alla corte nerazzurra. Nelle sue prime apparizioni in nerazzurro ha dato l’idea del peso tattico che può dare in mezzo al campo.

I NODI

L’acquisto sfumato di Kanté è dato dal fatto che né SkriniarBrozovic (che avrebbero dovuto fare cassa) hanno ricevuto offerte giuste: Conte dovrà essere bravo a reintegrarli mentalmente nel gruppo, Brozovic su tutti.

LE DUE DOMANDE

Le due domande più insistenti, secondo SportMediaset, nella testa di Conte sono Radja Nainggolan e Christian Eriksen.
Il Belga ha spinto molto per tornare in Sardegna al Cagliari, ma è rimasto ad Appiano Gentile per volontà del presidente Zhang (che non ha voluto regalarlo, ndr.) e dello stesso allenatore che vuole puntare su di lui per questa stagione.
L’altro interrogativo per Conte è Christian Eriksen, in un limbo ormai da quando è sbarcato a Milano: con la Lazio non è nemmeno entrato in campo. È stata rifiutata, nei giorni scorsi, l’offerta del prestito dal Borussia Dortmund per il danese. Anche in questo caso, Zhang non ha voluto fare regali ad altri club. Adesso tocca al numero 24 prendersi quel ruolo da trequartista che l’allenatore sembra aver inserito (anche) per lui.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook