Mercato, ancora caldo il fronte delle cessioni. In entrata spunta invece l’idea Gervinho

fonte foto: screenshot YouTube
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

A circa una settimana dalla fine del mercato, manca ancora qualcosa per considerare la rosa al completo. Quel qualcosa, secondo Gazzetta.it, si può racchiudere in due nomi: Darmian, ormai a un passo, e il sogno Kanté.

MERCATO IN ENTRATA

Rispetto alla rosa dello scorso anno Antonio Conte può contare su molti più giocatori. Infatti dal mercato sono arrivati giocatori esperti, come Kolarov e Vidal, un giovane già affermato, come Hakimi, Sanchez a parametro zero, Perisic e Nainggolan, al rientro dai prestiti. Per quanto riguarda Darmian, le possibilità che il suo futuro sia a tinte nerazzurre sono molto alte e presto potrebbe arrivare a Milano.

Situazione diversa per il centrocampista del Chelsea, pupillo di Conte. I Blues infatti non vorrebbero cederlo, per questo il prezzo è molto alto e, con il tempo che stringe, è sempre più difficile vederlo all’Inter, almeno in questa sessione. L’idea degli ultimi giorni è invece Gervinho, capace di garantire corsa e muscoli e il sofferto 4-3 con la Fiorentina ha confermato “la mancanza di equilibrio”.

CAPITOLO CESSIONI

Sono molti gli esuberi in rosa, alcuni dei quali difficili da cedere. Se per Godin e Candreva non ci sono stati problemi nel trovare le pretendenti, è diverso il discorso per Joao Mario.

Il centrocampista portoghese è appena tornato dall’ennesimo prestito, questa volta in Russia alla Lokomotiv Mosca. Il contratto è in scadenza nel 2022, ma non ci sono squadre disposte ad acquistarlo e, come conferma l’esclusione dalla lista Serie A, non ci sono margini per un eventuale reintegro.

Altro giocatore escluso dalla lista è Asamoah, che in attesa di trovare una soluzione continua ad allenarsi in gruppo. Sul mercato, a determinate condizioni, anche un pezzo pregiato, Skriniar, con il Tottenham in prima fila. Il ricavato della sua cessione verrebbe reinvestito su Kanté, con il prestito di Smalling a sostituire lo slovacco.