Inter-Fiorentina, le pagelle: Lautaro si carica la squadra sulle spalle, Eriksen delude

Italy, Milan, december 6 2019:  during football match FC INTER vs AS ROMA , Serie A 2019/2020 day15, San Siro stadium
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Inizia con una vittoria la stagione dell’Inter, nonostante la grande sofferenza contro la Fiorentina. Pronti via e la viola passa subito in vantaggio con Kouame, complice una disattenzione della retroguardia nerazzurra. Ci pensa Lautaro Martinez a ribaltare il risultato, prima con un gran gol, poi costringendo Ceccherini all’autorete. Gli uomini di Iachini non demordono e ribaltano addirittura il risultato, grazie alle reti di Castrovilli e Chiesa. Nel finale, però, rientra in azione la pazza Inter e la squadra toscana si deve arrendere. Prima subisce il pareggio di Lukaku e, infine il 4-3 di D’Ambrosio. Antonio Conte dovrà rivedere la fase difensiva, il tempo c’è, ma non si può soffrire sempre così.

Le pagelle di Inter-Fiorentina

Handanovic 6: Non ha colpe sui gol subiti e sull’1 a 0 per la Fiorentina, evita il possibile raddoppio di Kouame.

D’Ambrosio 6,5: Soffre, e non poco, uno scatenato Ribery. Ci mette la solita garra (come direbbe qualcuno) e alla fine regala tre punti pesantissimi alla sua squadra.

Bastoni 5,5: Sostituire de Vrij non è cosa da poco. Tampona bene prima Kouame e poi Vlahovic, ma si addormenta sul vantaggio della Fiorentina.

Kolarov 5: Prima gara ufficiale con la nuova maglia e si trova subito spaesato. Ha più colpe dei suoi colleghi di reparto sui gol subiti, soprattutto il primo. Unica giustificazione? Era fuori ruolo

Young 6: Parte dall’inizio contro ogni previsione e sembra non soffrire granchè le galoppate di Biraghi. Fa’ il suo e chiude benissimo su una grande occasione del solito Kouame.

Barella 6: Parte in sordina e non è da lui, ma pian piano scalda il motorino. Suo il merito di mettere Lautaro in condizione di pareggiare.

Brozovic 5,5: È come se si trovasse più a suo agio da playmaker. Soffre, infatti, i ruggiti dei centrocampisti viola.

Perisic 5: Conte gli ha dato fiducia, ma lui non ha ricambiato, anzi. Probabilmente preferirebbe giocare più avnzato e non a tutta fascia, ma ciò non giustifica la sua prova insufficiente.

Eriksen 5: L’anno scorso era lecito poter pensare ad una difficoltà di ambientamento, ma il tempo passa inesorabile e sembra non essercene più. Errori da matita blu, a partire dalla palla persa che ha portato la Fiorentina sull’1 a 0.

Lautaro Martinez 7: Prende l’Inter sulle spalle e cerca di dare la scossa. Prima un gran gol, poi propizia il 2 a 1 e poi continua a non mollare, mai. Sempre più chiaro perché una squadra come il Barcellona lo corteggia cosi insistentemente.

Lukaku 6: Partita insufficiente per uno come lui, qualche errore di troppo, soprattutto sotto porta. Guadagna la sufficienza grazie al gol del 3 a 3. È un diesel, tempo al tempo.

Sensi 6: Fa vedere sprazzi di grandi giocate, un pò quello che ha fatto l’anno scorso, prima che gli infortuni lo falcidiassero. Positivo.

Hakimi 6,5: Entra, fa l’assist per Lukaku, sfiora il gol, fa girare la testa a chiunque si presenti lì vicino, un treno. Non bisognerebbe nominare gli innominabili ma, se fosse la reincarnazione di un certo Maicon?

Vidal 6: Conte lo lancia nella mischia e non può fare altrimenti. La sua esperienza ha avuto un bel peso sul risultato finale.

Nainggolan 6: Non è certo che resti e non è certo che vada via. Una cosa certa, però, c’è. Non molla mai.

Sanchez 6.5: L’artefice di questa importantissima vittoria Insieme a Lautaro Martinez. Entra come se avesse la consapevolezza di vincerla e cosi è stato. Se è in forma è una “maravilla”.

All.Conte 6,5: Scelte azzardate all’inizio, infatti, la squadra sembra sbandare. Bisogna, però, dargli merito per i cambi azzeccati al momento giusto, cambi che gli regalano tre punti pesantissimi.