Vieri: “Buon per l’Inter che sia rimasto Conte. Lukaku straordinario”

Fonte foto: screen youtube
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’ex bomber nerazzurro ha parlato sulla lotta scudetto e della situazione in casa Inter.

BOBO VIERI ESALTA I NERAZZURRI: CONTE FONDAMENTALE, LUKAKU TOP PLAYER

Christian Vieri, ex attaccante nerazzurro e della Nazionale italiana, in un’intervista al Corriere dello Sport, ha parlato del campionato di Serie A, toccando vari punti cardine.

SITUAZIONE COVID

Purtroppo ancora senza gente allo stadio. Così è obiettivamente un altro sport. Speriamo che presto ci sia almeno una riapertura parziale, in massima sicurezza naturalmente. Perché il Covid è una cosa maledettamente seria, questo se lo devono mettere in testa tutti“.

INTER PRIMA RIVALE DELLA JUVE

Buon per l’Inter che sia rimasto Antonio. Interrompere in questa fase il suo lavoro costerebbe caro ai nerazzurri. Un percorso eccezionale secondo me quello di Conte: finale di Europa League, secondo posto in campionato… Nell’immediato, nessuno incide più di lui su una squadra. E forse nessuno allena meglio di lui a livello anche fisico. Chiede tanto, ma ti restituisce il doppio“.

LUKAKU UNA PUNTA IMPRESSIONANTE

Non l’ho mai visto così in forma nella sua carriera. Oggi è una punta impressionante, una valanga là davanti, straordinario per potenza e velocità. Era scettico solo chi non capisce niente di calcio. Al top è uno dei più grandi attaccanti del mondo“.

JUVE ANCORA FAVORITA CON CHIELLINI

Sul campo assisteremo all’ennesima cavalcata vincente della Juve. Soprattutto se Chiellini starà bene. Con lui al top, il discorso scudetto rischia di chiudersi molto presto. La Juve ha una rosa devastante, è già di suo una grandissima squadra, nettamente più forte delle altre. Chiellini è uno dei difensori più forti al mondo, ha qualità, carisma, fisicità, forza mentale. La sua presenza in campo trascina gli altri“.

SITUAZIONE ATALANTA

Scudetto? Non ci devono nemmeno pensare a Bergamo, sarebbe un errore enorme. L’Atalanta deve giocare con la testa libera. Il suo è un calcio meraviglioso, atletico e coraggioso, ma in generale l’ambiente non è strutturato per lo scudetto. Non devono caricarsi di pressioni quasi insostenibili, non c’è motivo“.