Sulantay (ex c.t. Cile U20): “Vidal può aiutare l’Inter per lo Scudetto”

Fonte: YouTube
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il passaggio di Arturo Vidal dal Barcellona all’Inter sta per concretizzarsi: non appena l’entourage del cileno troverà un accordo con il club catalano per la buonuscita, Antonio Conte potrà riabbracciarlo. Ma lo riabbraccerà anche Alexis Sanchez, connazionale con il quale ha scritto la storia della Roja. Ne ha parlato l’ex c.t. del Cile U20 José Sulantay, intervistato da Tuttomercatoweb.com.

“ARTURO E ALEXIS SONO NEL POSTO GIUSTO”

Sulla chiusura dell’operazione Vidal-Inter: “Mi auguro vada tutto a buon fine. Arturo ha bisogno di fiducia e l’Inter è sicuramente la miglior soluzione per lui. Ritroverebbe un allenatore che stima e che lo stima molto, oltre al suo grande amico Alexis“.

Sui dubbi legati all’età: “Vidal è un guerriero e un professionista, anche al Barcellona ha mostrato tutto il suo valore pur non essendo considerato un titolarissimo. Ha una forma fisica ancora ottima e penso che dinanzi a sé abbia quindi ancora tanti anni da giocare ad alti livelli. Deve giocare con regolarità per esaltarsi. Conosce bene il campionato italiano: potrà senza alcun dubbio essere un colpo importante per i sogni Scudetto dell’Inter. Ha personalità, spirito e classe“.

Su Sanchez, l’altro cileno in squadra: “Ha una bella opportunità per rilanciarsi dopo l’avventura poco fortunata al Manchester United. Quella squadra non era costruita per lui, ma Alexis resta un top player che può ancora dare tanto sia ai nerazzurri che al calcio internazionale. A Milano si sta ritrovando“.

Sul mondiale U20 del 2007 (nel quale Sulantay lanciò entrambi infatti): “Ho dei ricordi meravigliosi di quel Mondiale, sono davvero orgoglioso di aver vissuto in prima persona l’esplosione della ‘Generación Dorada‘ del calcio cileno: non solo Vidal e Sanchez, penso anche a Medel e Isla… Quella Roja era piena di campioni e le due Coppa America vinte nel 2015 e nel 2016 dalla Nazionale maggiore ne sono state la più degna consacrazione“.