Biasin: "Inter, è cresciuta ma non abbastanza da soddisfare Conte"

Biasin: “Inter cresciuta ma non abbastanza da soddisfare Conte”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Fabrizio Biasin ha commentato l’umore di Conte nel post gara contro l’Atalanta e la situazione in casa Inter.

BIASIN: “LO SA ANCHE MIA NONNA CHE CONTE NON HA UN BEL CARATTERE”

Nell’editoriale per Libero, il giornalista ha analizzato il secondo posto dell’Inter e soprattutto l’attacco del tecnico nerazzurro nei confronti della società. Biasin ha sottolineato la crescita evidente del gruppo nerazzurro, ma anche la difficoltà caratteriale di mister Conte.

Ecco le parole del giornalista:

“Lo sanno tutti, persino mia nonna e la vostra, che Antonio Conte non ha propriamente un carattere facile. D’altro canto tutti sanno anche che è uno dei tecnici più bravi della galassia e questo conta più di tutto.

Alla prima stagione in nerazzurro, il tecnico porta il gruppo al secondo posto, ma non stapperà di sicuro lo champagne. Il processo di crescita del gruppo è lento ma evidente e soddisfa certamente la proprietà, ma non Conte che recentemente ha detto la sua sul secondo posto, “i secondi sono i primi dei perdenti”.

Se già un qualsiasi piazzamento irrita l’uomo di lecce,  figuratevi un 2° posto a un solo punto dai pluri-campioni bianconeri. Vi diranno che l’Inter ha perso una grande occasione, ed è vero, ma è anche vero che nei due scontri diretti la Juve ha stra-meritato i suoi sei punti e se perdi quelli alla fine non puoi lamentarti.

Ora i nerazzurri dovranno dar prova della loro convincente condizione fisica in Europa e hanno le qualità per arrivare in fondo. In caso di vittoria trasformerebbero una stagione da 6.5 a 8 bello pieno“.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy