Sei qui: Home » News Inter » Ronaldo: “Infortunio contro la Lazio? Ero disperato, temevo per la mia carriera”

Ronaldo: “Infortunio contro la Lazio? Ero disperato, temevo per la mia carriera”

Ronaldo il Fenomeno, durante una diretta su Instagram con la nota rivista Forbes, ha parlato del suo infortunio durante la sua avventura con l’Inter.

RONALDO: “CI SONO STATI TANTI OSTACOLI MA HO LOTTATO PER IL MIO SOGNO”

Il giocatore brasiliano ha raccontato tutta la sua sofferenza durante il periodo passato all’Inter, a causa dell’infortunio. Quest’ultimo non gli permetteva nemmeno di potersi sedere, inferendo moltissimo dolore all’attaccante.

Ecco le parole di Ronaldo il Fenomeno:

Nella mia prima stagione all’Inter ho cominciato a soffrire di tendinite cronica. Ero già stato sotto ai ferri e al mio ritorno in campo mi infortunai di nuovo contro la Lazio. Ero disperato, ho pensato che la mia carriera fosse a rischio. Ero molto giovane ed è stata una sofferenza mai provata prima.

Anche dopo otto mesi di intervento chirurgico, non sono stato in grado di mettere piede sul pavimento o di sedermi. Dovevo mettere la gamba in posizione dritta, ma la ferita era così grave e il recupero era difficile. Nell’ottavo mese sono andato da un medico in Colorado, uno dei migliori specialisti degli Stati Uniti.

Il dottore mi ha esaminato, ha fatto alcuni test e alla fine ha detto: “Dovrai tornare sotto ai ferri affinchè tu possa tornare ad avere una vita normale. Puoi fare sport ma senza prestazioni a livelli alti. Il tuo infortunio è stato mal gestito e non avrai modo di giocare di nuovo. Mi ha rassicurato per il mio futuro e mi ha portato in una clinica nel sud della Francia, un centro di riferimento per lo sport.

Ho passato 4 quattro mesi lì, sono riuscito a recuperare i gradi di flessione di cui avevo bisogno nel ginocchio e dopo quasi due anni ho ricominciato a giocare. È molto tempo per un atleta professionista. Ho dovuto affrontare diversi ostacoli durante questo infortunio, ma mi sentivo forte e ho continuato a lottare per il mio sogno”.