Sei qui: Home » News Inter » Mazzola: “Volevo portare Ronaldo in nerazzurro, ma non fui ascoltato”

Mazzola: “Volevo portare Ronaldo in nerazzurro, ma non fui ascoltato”

Intervenuto ai microfoni di Twikie.it, l’ex direttore sportivo nerazzurro Sandro Mazzola ha voluto dire la sua sul duello Ronaldo-Messi. L’ex campione nerazzurro svela poi un aneddoto dietro il portoghese.

MAZZOLA VOLEVA PORTARE RONALDO IN NERAZZURRO MA QUALCUNO FERMO’ LA TRATTATIVA

L’ex campione nerazzurro, vero intenditore di campioni, è tornato a parlare dell’eterno confronto Ronaldo Messi. Mazzola in particolare sembra stravedere per l’attaccante portoghese, e mentre lo elogia si lascia scappare un particolare inedito: “Per me è più completo Ronaldo. Mi piace molto e lo volevo portare all’Inter ai tempi del Manchester United e molto prima del passaggio al Real Madrid. Allora costava una cifra abbordabile, feci il suo nome alla dirigenza nerazzurra ma non fui ascoltato, anzi secondo uno in particolare il giocatore non valeva tutti quei soldi. Decisi di lasciare il mio posto come direttore, qualche settimana più tardi ritornai sui miei passi ma ci rimasi male“.

LEGGI ANCHE:  Inter, non solo Hincapié: per la difesa piace uno dei protagonisti di questo Mondiale

Sempre poi sulla Juventus, l’ex stella nerazzurra parla di arbitri e di quel mancato passaggio in bianconero: “Va detto che tutte le grandi squadre, nelle scelte che fanno gli arbitri, sono agevolate e quindi non solo la Juventus. A proposito della vecchia signora ti voglio raccontare un episodio assai curioso. Stavo per vestire la maglia bianconera, Gianmpiero Boniperti fece di tutto per convincermi. Una concessionaria Fiat a Milano ed un contratto da capogiro. Tornai a casa e ne parlai con mamma che mi disse che non potevo indossare la maglia bianconera, il mio povero babbo si sarebbe rivoltato nella tomba.