Barella: “La Nazionale si conquista con impegno e voglia di sudare”

In questa intervista Barella parla della sua esperienza in Nazionale ai microfoni di Inter Tv. Il centrocampista ha fatto il suo esordio la maglia azzurra il 10 ottobre 2018: la sua “breve carriera” insegna che i sogni pagano solo se uniti al duro lavoro.

INTERVISTA BARELLA: “SIAMO PRONTI PER GLI EUROPEI”

Ecco le parole dell’ex Cagliari, arrivato già a 12 presenze sotto la guida del ct Roberto Mancini: “In Nazionale ci si arriva con tanto impegno, voglia di sudare e anche un po’ di ambizione”. Prima di arrivare nella Nazionale maggiore c’è stata tanta strada: “Per me è stato un bel traguardo. A un certo punto della mia breve carriera pensavo fosse una cosa difficile. Poi piano piano pensavo che si potesse realizzare questo sogno e poi ce l’ho fatta.

Sulle sensazioni che provoca essere in campo al momento dell’Inno di Mameli: “È un bel momento; senti l’unione non soltanto con i tuoi compagni ma anche con tutto lo stadio, con tutta la gente italiana. Forse è il momento della partita che ti carica di più“.

Poi l’attenzione si sposta agli impegni in campo, e quindi agli Europei itineranti del 2020 che si apriranno proprio in Italia, allo stadio Olimpico di Roma: L’Italia ci arriva bene. Con mister Mancini abbiamo fatto un grandissimo lavoro. Abbiamo cercato di creare un’impronta e di riportare la gente allo stadio dopo tutto quello che era successo con la Nazionale. Ci siamo riusciti e adesso sta a noi guadagnarci ancora più rispetto

LEGGI ANCHE:  Serie A, ufficiali le prossime date: l'orario del derby stupisce tutti

Alla parola “Finlandia” il ricordo di Barella non può che essere: “Bello, il mio primo gol in Nazionale. Tutti i miei compagni mi prendono in giro e dicono che è un autogol, ma in realtà il gol è mio“. Il classe ’97 non riesce a rivivere lucidamente il coacervo di emozioni di quel momento e affida tutto alle immagini “C’è una foto dell’esultanza in cui sto urlando; è stato un momento bello”.

Barella è arrivato a quota 3 gol con la maglia azzurra e spiega il suo diverso rapporto con il gol nelle squadre di club: “Con il Cagliari prima e con l’Inter poi non avevo questa ossessione per il gol, invece con la Nazionale volevo fortemente provare questa emozione”.

Insomma, per dirla con parole care agli utenti di FIFA non più adolescenti, con questa intervista Barella ci dimostra che: “Con costanza e determinazione, si può raggiungere qualsiasi risultato“.

Siamo su Google News: tutte le news sull' Inter CLICCA QUI