Centrocampo ai minimi termini: Conte cambia sistema?

Centrocampo ai minimi termini: Conte cambia sistema?


L’Inter è attesa da due sfida fondamentali per il proseguo della stagione. Conte dovrà sopperire alle tante assenze in mezzo al campo

In teoria, una squadra tornata in vetta dopo anni di rincorse estenuanti, dovrebbe dormire sonni tranquilli. In teoria, un allenatore che rischia di chiudere l’anno in testa alla classifica e con il “pass” agli ottavi di Champions, dovrebbe stare sereno. In teoria. In pratica però, nessuno in casa Inter sembra tranquillo in questi giorni. Tanto meno Conte.

Asamoah e Candreva potrebbero giocare in mezzo. Politano in caso di attacco a 3

A preoccupare l’ambiente nerazzurro, la situazione del centrocampo. Dopo gli infortuni di Barella e Sensi infatti, si è fermato ai box anche Gagliaridini.

Basta fare due calcoli per capire che Conte, ha gli uomini contati. E il tutto, alla vigilia di due match fondamentali. Il tecnico pugliese dovrà correre ai ripari e trovare una soluzione per affrontare al meglio Roma e Barcellona.

La soluzione più normale porta il nome di Borja Valero. Snobbato fino a 10 giorni fa, lo spagnolo è diventato d’improvviso pedina fondamentale di questo rush di fine anno. Con lui a fare da play, Brozovic tornerebbe interno di centrocampo, con Vecino a chiudere il terzetto.

L’ex Fiorentina però, non ha la tenuta fisica che Conte vorrebbe dai suoi e potrebbe aver bisogno del cambio a partita in corso. Si valutano le alternative e tra le più in voga, ci sono Candreva e Asamoah.

Il primo, è stato rigenerato e adesso sembra quello in grado di incarnare meglio il diktat dell’allenatore, in qualsiasi ruolo. Il secondo, nasce centrocampista e potrebbe tornare nel ruolo che tanta fortuna gli ha portato ai tempi dell’Udinese.

Rimane poi un’altra soluzione. Secondo Calciomercato.com, infatti, come fatto ai tempi del Chelsea, Conte potrebbe optare per un cambio di sistema. In questo caso, la linea dei centrocampisti sarebbe di 4, i centrali necessari, due. In attacco si rivedrebbe Politano. A San Siro, un’Inter a trazione anteriore.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy