Candreva: "Lavoro e sacrificio essenziali. L'esultanza con il Lecce? Ecco com'è nata"

Candreva:

Settimana da sogno per Antonio Candreva, protagonista nella vittoria con il Borussia Dortmund con un gran gol. Ecco le sue parole in vista di Inter-Parma.

CANDREVA: "TUTTI SONO COINVOLTI NELL'AZIONE"

Iniziamo a sospettare che Antonio Conte possa avere potere magici, rivitalizzanti: Candreva sembra tornato quello visto alla Lazio, capace di cavalcare quella fascia destra come pochi nel nostro campionato. Inoltre, è reduce da un magnifico gol in solitaria nella magica serata di Champions League contro il Borussia Dortmund.

Ecco cosa ne pensa il laterale romano del suo ruolo nell'Inter di Conte: "Per il ruolo che ricopro devo stare sempre “acceso” come diciamo noi, sempre concentrato, come i miei compagni. Tutti sono coinvolti nell’azione perché uno sbaglio può influire sull’andamento dell’azione o della partita. Per me sono essenziali il sacrificio e il lavoro. Quello che sto facendo ora è un ruolo che ho fatto per la prima volta all’Europeo con molta dedizione perché è fisicamente impegnativo e richiede attenzione per curare sia la parte difensiva che quella offensiva". 

Conte, indubbiamente, è l'arma in più di quest'Inter sorprendente: "Conte ci può dare uno slancio in più, è forte ed esigente ma ti tira fuori il meglio. Stiamo dimostrando di essere un bel gruppo con margini di miglioramento, voglia di far bene e puntare in alto". 

Infine, il numero 87 ha parlato dell'ormai celebre esultanza dopo il suo missile contro il Lecce: "L’esultanza virale con Lukaku? In realtà e colpa sua che ha fatto per primo quell’espressione senza essere inquadrato. Ero lontano dalla porta ma ho provato il tiro, a volte si deve tentare, rischiare per provare questo tipo di gioie".

Siamo su Google News: tutte le news sull' Inter CLICCA QUI

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram