Squadra senz'anima e vecchi fantasmi, Slavia protagonista a San Siro

Squadra senz'anima e vecchi fantasmi, Slavia protagonista a San Siro

Il Corriere della Sera in edicola stamattina analizza la brutta prestazione dell'esordio europeo dell'Inter, fermata a San Siro dallo Slavia Praga. Secondo l'analisi del quotidiano, l'unico a poter sorridere dopo il pareggio di ieri è il ct Roberto Mancini.

SENSI ANCORA IL MIGLIORE, BARELLA OK

Nella debacle nerazzurra della serata di ieri, il migliore in campo - o meglio, il meno peggio - è risultato essere ancora una volta Stefano Sensi, nuovamente vicino al gol con una punizione che si è stampata sulla traversa.

Può sorridere, in parte, anche Nicolò Barella, che ha segnato con un gol il suo esordio assoluto in Champions League.

Il resto è un insieme di insufficienze e catastrofi, a cominciare dalla prova totalmente incolore di Brozovic o dall'efficacia prossima allo zero della coppia Lautaro-Lukaku.

Male anche le fasce, con Asamoah e Candreva - poi sostituito da Lazaro - mai realmente pericolosi o intraprendenti.

L'unico a poter sorridere dopo la serata di San Siro, secondo il Corriere, è Roberto Mancini, che sta lentamente assistendo alla consacrazione di due elementi fondamentali per il centrocampo della Nazionale.

Siamo su Google News: tutte le news sull' Inter CLICCA QUI

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram