Icardi: "Darò tutto per aiutare la mia nuova squadra. Le ambizioni sono alte"

Icardi: “Darò tutto per aiutare la mia nuova squadra. Le ambizioni sono alte”


Arrivano le prime parole di Mauro Icardi come nuovo giocatore del PSG: l’argentino si è trasferito in Francia con la formula del prestito con diritto di riscatto fissato a 70 milioni.

Icardi: “Sono sicuro di avere tutto qui”

Mauro Icardi è ormai ufficialmente un nuovo giocatore del PSG e l’argentino ha rilasciato al canale ufficiale del club francese le prime parole relative alla sua nuova esperienza: “Vorrei ringraziare il Paris Saint-Germain per la fiducia che mi ha dimostrato. Darò tutto per aiutare la mia nuova squadra ad andare il più lontano possibile in tutte le competizioni”.

L’ex capitano nerazzurro ha poi aggiunto: “Il Paris Saint-Germain è diventato una potenza calcistica internazionale e negli ultimi anni ha attratto i calciatori più grandi. Le ambizioni sono alte e sono sicuro di avere tutto qui per andare ancora oltre. Non vedo davvero l’ora di giocare al Parco dei Principi, uno stadio famoso per la sua bellezza”.

Sugli obiettivi personali e del PSG: “Sono qui per vincere titoli. Il PSG è una squadra dominante in Francia e ha vinto tanti trofei in queste stagioni. Ci sono tante squadre forti ma i tifosi vogliono vedere in campo il massimo per vincere altri trofei. Spero di fare di tutto per dare il mio contributo ai successi futuri del club segnando tanti gol”.

Sulle sue caratteristiche principali: “Sono un attaccante d’area di rigore, mi piace segnare ed è il mio punto di forza. Questa squadra ha tanti giocatori di talento, tanti giocano in attacco e vogliono fare gol o assist. Sono sicuro che mi troverò alla perfezione qui”.

Infine, un commento sulle differenze tra il campionato italiano e la Ligue 1: Serie A ha una reputazione di essere molto difensiva, è difficile fare gol. Non vedo l’ora di giocare in Ligue 1 e di imparare, oltre che iniziare la nuova sfida che mi si prospetta davanti”.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy