De Boer bordata all’Inter: Troppi agenti o ex presidenti influenti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Ferita ancora aperta per Frankie De Boer che non dimentica l’esperienza negativa sulla panchina nerazzurra. Nonostante un inizio difficoltoso il suo Atlanta United sembra ora andare nella giusta direzione. Al Telegraaf l’allenatore parla di come allenare in MLS gli abbia dato più tranquillità e fiducia rispetto ad Inter e Crystal Palace:

Qui mi trovo molto bene, il club è giovane

Questo club è molto giovane, non ha presidenti o manager influenti. Una volta quando allenavo l’Inter un agente del giocatore mi ha detto: ” Se avessi saputo che non avresti fatto giocare il mio assistito, non avrei mai permesso che diventassi l’ allenatore“.

Questo per dire quanto possano essere influenti nei club europei. Non c’è stato alcun provvedimento nei suoi confronti e questo è inconcepibile. Per questo qui lavoro bene e con serenità”.

Ma De boer spera di avere un’altra occasione in Europa

All’Inter con un po’ di pazienza in più sarebbe andata bene, ne sono sicuro. Son deluso per non essere riuscito ad esprimere le mie capacità lì. Voglio dimostrare di poter fare bene anche ad alti livelli“.

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook