Marotta intervista Inter

Marotta: “Sta nascendo una grande Inter! Conte è il nostro top player”


L’a.d. per la parte sportiva dell’Inter ha rilasciato una lunga intervista, in cui parla della sua carriera e del presente nerazzurro.

Beppe Marotta in un’intervista a “Sportweek”, ha trattato diversi temi interessanti. Dapprima si è soffermato sulla propria carriera da uomo mercato, fornendo anche alcune strategie acquisite nel corso degli anni attraverso l’esperienza. Inoltre non poteva non parlare del presente, manifestando tutto il suo entusiasmo per il lavoro svolto all’Inter finora. Per la società meneghina vede un futuro roseo.

Le considerazioni di Marotta

Alla domanda quale sia stato l’affare più deludente e quello capolavoro ha risposto:

Nel 2001 all’Atalanta vendemmo Zenoni e Donati al Milan per 45 miliardi di lire più Comandini, che però non si dimostrò all’altezza delle aspettative. L’affare migliore? Pogba alla Juve, preso a zero dal Manchester United e lo rivendemmo a 115 milioni”.

Inoltre Beppe Marotta fornisce anche delle indicazioni per condurre una buona trattativa:

Bisogna essere trasparenti e furbi allo stesso tempo. Non si deve prendere in giro la controparte, spacciare qualità laddove qualità non c’è. Sono ammesse le bugie, ma a fin di bene”.

Il dirigente interista osserva anche come sia cambiato oggi il calciomercato:

Le società sono governate dal management e le regole del FPF hanno reso tutto più complicato. Sono scomparse o quasi le bandiere perché ora i giocatori sono favorevoli ai trasferimenti: più cambiano squadra più guadagnano. Una volta il giocatore subiva la decisione del club, oggi avviene il contrario”.

Se può esserci una soluzione afferma:

Bisognerebbe azzerare il valore del cartellino a partire dai 25 anni, in modo tale che il calciatore sia libero di trattare il proprio ingaggio. In questo modo sparirebbero i costi degli investimenti e i relativi ammortamenti a bilancio”.

Le dichiarazioni sull’Inter

L’a.d. nerazzurro, ingaggiato lo scorso dicembre, ha anche espresso qualche considerazione sulla società e sul suo presente interista:

Sta nascendo una grande Inter. Si dice sempre che la squadra sia lo specchio della società. Questa Inter lo è, con una proprietà solida e lungimirante. La squadra ne assumerà le sembianze. Conte? È il nostro top player”

Parole di soddisfazione da parte di Marotta e confortanti per i tifosi interisti, impazienti di vedere una grande Inter pronta a scalare la vetta del successo.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy