Longo: “Ho ancora due anni di contratto con l’Inter. Lunedì inizio il ritiro con Conte”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Samuele Longo è pronto a far ritorno all’Inter al termine del prestito alla Cremonese. L’ attaccante si unirà al resto dei compagni a partire dal ritiro di Lugano, dove sarà valutato da Antonio Conte. 

LONGO: “GLI INFORTUNI MI HANNO CONDIZIONATO. CONTE GRANDE ALLENATORE”

L’ex centravanti della Primavera nerazzurra è tornato a parlare ai microfoni di Qdpnews, iniziando dall’ormai imminente partenza per il ritiro di Lugano: Ho un contratto ancora per due anni. Lunedì inizio il ritiro con Conte. Sono contento, più che emozionato, credo di imparare moltissimo: è un grande allenatore, ha fatto bene ovunque, ne ho sentito parlare solo bene e quindi mi fa piacere essere allenato da lui”.

Longo svela i propri obiettivi futuri, ma soprattutto le possibili mete gradite in vista della prossima stagione: Non sono vecchio, devo crescere come prima punta, recentemente non sono stato fortunato e ho ambizioni più grandi ancora. Alcuni infortuni hanno condizionato la mia carriera. Il mio sogno è l’Inghilterra, vediamo cosa offrirà il mercato. In Spagna però tornerei volentieri, lì mi conoscono bene e io sto bene”.

Gli ultimi anni di carriera del ragazzo sono stati contraddistinti da numerosi infortuni, i quali hanno impedito all’ attaccante di incidere quanto sperato: “Dopo l’Espanyol per un infortunio alla spalla ci ho messo più del previsto a ritornare. Sono passato a Verona e quando sono guarito c’era Toni che segnava gol a grappoli. Poi l’ultimo anno a Cremona con una sublussazione all’anca che ha richiesto di cure. Ma ora sono guarito ancora del tutto e sono pronto ad affrontare in pieno la nuova stagione”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook