Inter: la stagione 2018/2019 raccontata attraverso i social

Inter: la stagione 2018/2019 raccontata attraverso i social


In un articolo pubblicato oggi, la Gazzetta dello sport ripensa all’anno dell’Inter che si concluderà con la sfida di stasera, ma attraverso il mezzo più forte dei nostri tempi: i social network.

L’Inter sui social: la quiete prima della tempesta

Nel racconto della Gazzetta dello Spot della stagione interista, fatto attraverso post pubblicati su varie piattaforme, il quotidiano descrive l’uso dei social network come “il primo nemico dello spogliatoio nerazzurro. Eppure, all’inizio, tutto sembrava andare per il meglio.

È Luciano Spalletti a pubblicare il primo post della stagione, quando tutto sembrava pronto per affrontare l’anno nel migliore dei modi.Si riparte… certi che sarete ancora lì ad indicarci la strada giusta,” scrive il tecnico nerazzurro. Anche il gruppo sembra partire con il piede giusto: Icardi, al tempo capitano, regala un Rolex a tutta la squadra. Anche in questo caso su Instagram viene pubblicata una foto, con tutti i giocatori sorridenti; la descrizione dà prova di un gruppo unito: “Io sicuramente non lo dimenticherò mai ‘Capocannoniere 2017/2018’. Ma non volevo ricordarlo da solo, perchè senza di voi non sarebbe stato possibile.”

Poco tempo dopo, però, le cose iniziano a cambiare; sono due le situazioni che iniziano a destabilizzare l’ambiente interista e, in un modo o nell’altro, protagonista di queste è sempre l’argentino e il suo uso dei social. La prima risale a due dopo settimane dalla foto di gruppo: Icardi, infatti, parte in segreto per Madrid, per assistere alla finale di Libertadores, a 48 ore dalla sfida Inter-PSV. La seconda invece, riguarda l’agente dell’attaccante, Wanda Nara, che pubblica una storia Instagram, localizzata sempre nella città spagnola, proprio nei giorni in cui si vociferava di un possibile passaggio al Real Madrid del bomber.

La situazione, insomma, inizia a peggiorare, ma tutto questo non è niente in confronto a quello che seguirà poi.

13 Febbraio: il tweet che ha cambiato la stagione interista

La data che ha cambiato la stagione interista, infatti, è il 13 febbraio; con un tweet molto sintetico, ridotto all’essenziale, la società sciocca tutta la tifoseria: “Il club comunica che il nuovo capitano della squadra è Samir Handanovic.” 

Ed ovviamente tra i tifosi nascono le più svariate teorie; queste vengono alimentate sia da vari articoli di giornale, sia dai comportamenti tenuti dagli altri giocatori sui social; fa pensare, infatti, il like immediato a tale tweet da parte di Marcelo Brozovic.

L’ormai ex capitano, nel frattempo, mantiene un comportamento piuttosto emblematico; prima pubblica una storia durante la fisioterapia, con un messaggio che sembra andare contro il club, ma essere diretto ai tifosi, poi festeggia la vittoria del derby, con una foto del Duomo a colori nerazzurri. La risposta vera e propria arriverà solo il 28 febbraio, con una lettera in cui ribadisce l’affetto che prova per la maglia che indossa.

Le controversie legate ad Icardi, però, non terminano qua: sempre su Instagram, infatti, vengono pubblicate varie foto fatte dall’argentino, insieme alla moglie, per uno shooting; questi scatti provocano altre polemiche e la tifoseria si divide ancora di più; e proprio quando sembra che la cessione dell’argentino sia inevitabile, l’attaccante sorprende tutti con un post in cui dichiara di non aver alcuna intenzione di lasciare Milano.

Nel frattempo Spalletti cerca di tenere unito il gruppo, pubblicando una foto dell’allenamento nerazzurro; ciò che colpisce di più è la descrizione: “Un allenamento da professionisti veri, sapendo che non sono le partite della prossima stagione a darci un posto in Champions.”

Si sperava, insomma, che le controversi fossero finite.

Questa settimana, però, arriva l’ennesima (e si spera ultima per la stagione) beffa; l’ex Eder, dalla Cina, pubblica un tweet che sembra essere indirizzato proprio al tecnico: La presunzione può gonfiare un uomo, ma non lo farà mai volare.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy