Ranocchia parla dopo il rinnovo: "Qui felicissimo, dobbiamo tornare a lottare per i titoli"

Ranocchia parla dopo il rinnovo: “Qui felicissimo, dobbiamo tornare a lottare per i titoli”


Dopo aver appena firmato il rinnovo di contratto, Andrea Ranocchia ha rilasciato un’intervista ad Inter TV. Nonostante le difficoltà degli anni passati, Ranocchia ha sempre dimostrato un forte attaccamento all’Inter, essendone anche stato il capitano prima di Icardi. “Tra due anni saranno 11 stagioni in nerazzurro, sono tanti anni e sono contentissimo perché questa per me è una famiglia. La trattativa è stata abbastanza semplice, non è stata per niente lunga. Sono contento che è stato riconosciuto il mio attaccamento, la mia professionalità durante ogni giorno di allenamento e durante le partite che ho disputato. Quindi sono felice e spero nei prossimi due anni di togliermi soddisfazioni e di arrivare a raggiungere dei traguardi che ormai mancano da troppo tempo in questa squadra“.

I TROFEI E LA CHAMPIONS DA CONQUISTARE

Ranocchia, in nerazzurro dal 2011, ha vissuto tante vicissitudini personali e anche legate alla squadra: “Da difensore ho passato anni difficili, ora stiamo andando meglio, sono arrivati giocatori di grande qualità e ci stiamo inquadrando. Naturalmente la strada è lunga perché siamo lontani dalla prima posizione che è il traguardo che dobbiamo raggiungere, spero nel minor tempo possibile. È giusto che una società come l’Inter torni a lottare per vincere dei titoli. Da punta ho sempre cercato di mettercela tutta quando sono entrato in campo. Ovviamente non è il mio ruolo ma ho dato tutto quello che potevo in quel frangente, qualche volta è andata bene altre un po’ meno“.

Sabato, la trasferta di Udine dove l’Inter può blindare la prossima Champions: “Dobbiamo cercare di chiudere il prima possibile il discorso qualificazione in Champions, a partire da Udine. Abbiamo le ultime quattro partite e dobbiamo chiudere il prima possibile e poi programmare il prossimo anno“.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy