EDITORIALE - L'Inter e il suo latente tallone d'Achille: l'arroganza del debole