EDITORIALE - Nel coro omogeneo di critiche una certezza: la sentenza di Maurito