Icardi: "L'Inter è casa mia, qui mi sento felice. Il mio mestiere è far gol ma cerco di migliorare"

Icardi: “L’Inter è casa mia, qui mi sento felice. Il mio mestiere è far gol ma cerco di migliorare”


Il capitano dell’Inter Mauro Icardi ha parlato in una lunga e interessante intervista esclusiva al Corriere dello Sport con tanti temi trattati: dal suo momento a Milano, alle sue aspettative per il futuro e qualche riferimento al recente passato fra campo e mercato.

L’INTERVISTA

L’attaccante deve fare gol, comincio da qui. Dopo qualche mese di allenamenti all’Inter Mancini mi confidò che “se Mauro fosse anche capace di giocare a calcio sarebbe un fenomeno” – non ho mai capito se la sua fosse una battuta o una constatazione. 
“Io penso che con i gol posso fare tanta strada, in questo sport conta fare gol, possibilmente uno più degli avversari. Si parla troppo spesso della mia partecipazione al gioco, che per molti è scarsa, insomma insufficiente, ma non mi frega niente di quello che dicono i giornalisti, i critici. Conosco un solo modo di aiutare i compagni e l’allenatore ed è quello di buttarla dentro. Ho sempre vissuto per il gol, anche da piccolo ne segnavo tanti. Ho la capacità di farli, devo farli. Come la chiamate? Una missione? Ecco, è la mia missione. Ero questo alla Samp, sono questo da sei anni all’Inter. Ho fatto 100 gol in più rispetto a quando ero a Genova, ma come giocatore sono esattamente lo stesso di allora. Se qualcuno trova che non sia migliorato, pazienza”. 

Due tipi di leader, c’è quello silenzioso ma di soluzioni e quello che nello spogliatoio e in campo si fa sentire. Sei del primo. 
“Io urlo, ogni tanto alzo la voce anche con i compagni. Non è stata la fascia a cambiarmi, io sono così, fedele alle mie scelte e con degli obiettivi molto chiari. Di me parlo pochissimo, sono rare le interviste e le mie cose non si sanno. Pubblico qualche foto su Instagram, non aggiungo parole, considerazioni, la porta d’ingresso alla mia intimità è sempre chiusa”. 

Ma c’è chi lo fa per te, e alla grande, Wanda. 
“Wanda sa bene quello che fa e dice, e cosa la gente vuole da lei. Sa stare in tv, conosce i giornalisti e ora è entrata anche nel mondo della moda, le piace da sempre. Wanda è furba, non ha bisogno di controlli, di lei mi fido totalmente. Mi conosce bene, sa quanto io tenga alla riservatezza e fino a dove può spingersi”.

Nel periodo in cui si parlava di una tua molto fantasiosa convocazione nella nostra nazionale, ho molto apprezzato la fedeltà all’Argentina, alle radici. 
“Non ci ho pensato nemmeno per un istante, e non per mancanza di rispetto o gratitudine nei confronti dell’Italia che mi ha dato tanto. Io mi sento profondamente argentino, al di là del fatto che con la mia famiglia siamo andati via che ero piccolo quando fu dichiarato il default e la gente cominciò a temere il peggio”.

Purtroppo per voi. Ci sono tuttavia dei giocatori che hanno un peso superiore all’interno di una squadra. Questa è storia. Hai mai chiesto al presidente o ad Ausilio di prendere rinforzi? Mancini da giocatore suggeriva un acquisto al giorno. 
“Mai. Al massimo potrei chiedere un aiuto a Messi in Champions… E’ vero che dipendiamo dal Barcellona, ma noi dobbiamo pensare al Psv. Il Barça gioca sempre per vincere, speriamo che non si prenda una pausa”. 

Ventotto punti, il Napoli a un passo, la Juve lontana, gli ottavi di Champions ancora possibili: è l’Inter che immaginavi? 
“La squadra è più completa che in passato, sicuro. Abbiamo perso qualcosa all’inizio, nelle prime due, tre partite abbiamo lasciato per strada dei punti. Se avessimo giocato da Inter, avremmo avuto qualche punto in più. Quando pensavamo di aver trovato continuità c’è stata la caduta di Bergamo. Niente da dire, loro sono stati più bravi di noi”. 

Mai pensato di andare via? 
“Lo devono dire loro (indica Ausilio, nda). Io ho sempre chiarito i miei obiettivi: il primo, tornare in Champions con l’Inter e l’abbiamo raggiunta. Il secondo, vincere qualcosa con l’Inter. Il direttore ha fatto una buona squadra pur non potendo spendere molto, ha preso solo parametri zero”. Altra risata. 

La partita dell’Olimpico è un passaggio fondamentale per voi ma soprattutto per la Roma. 
“Cercheremo di fare una buona partita perché sappiamo che se la sbagliamo la Juve si allontana e il Napoli anche. Le due davanti vanno forte”.

L’estate scorsa la Juve ci aveva provato anche con te. 
“Qualcosa ho sentito. Ma, vedi, io certe cose sono l’ultimo a saperle perché ho un solo interesse, fare bene il mio lavoro. Lo devi chiedere a Wanda e Piero. Giocare a calcio per me è la cosa più bella ed è un privilegio, il lavoro che sognavo. Sono tornato da Londra alle 6 del mattino, con la squadra, e ho fatto le vasche di acqua fredda per ridurre l’ematoma al quadricipite. Voglio recuperare in fretta e giocare subito”. 

Dicono che tu sia la balia di Lautaro. 
“L’ho aiutato tanto, l’ho portato con me dappertutto perché non conosceva nessuno. Ha ventun anni e può crescere. In campo non si risparmia, è abituato al calcio argentino dove i colpi si danno e si prendono. Da questo punto di vista il Var è una benedizione per gli attaccanti perché costringe i difensori a limitare il numero delle furbate. Prima, in area succedeva di tutto, adesso il gioco è più pulito”. 

All’Inter hai anche vissuto qualche momento di impopolarità con la curva, ricordo quello successivo all’uscita del libro. Certo, anche tu: scrivere un’autobiografia a soli ventitré anni…  
“Non era un’autobiografia, ho semplicemente raccontato l’inizio del mio percorso, un pezzo della mia storia. E per quanto riguarda la frattura con la curva, penso che si sia ricomposta dopo l’episodio col Sassuolo. Se ci sono problemi si parla, ci si confronta. Quando incontro i tifosi non noto tutta questa freddezza. Anzi”. 

In lontananza si sentono ancora le sirene del Real. 
“Non mi sembra questo il momento giusto, visti i risultati. E poi sto bene dove sto. Anche il rinnovo arriverà quando deve arrivare. C’è tempo”. 

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl