RASSEGNA STAMPA - Spalletti: prima difesa a 3, poi Lautaro. Tottenham decisivo

RASSEGNA STAMPA – Spalletti, prima difesa a 3, poi Lautaro. Tottenham decisivo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Ecco la rassegna stampa di martedì 17 settembre 2018. Nerazzurri alle prese con le ferite dopo il ko con il Parma, ma non c’è tempo: domani arriva il Tottenham in Champions League.

RASSEGNA STAMPA, GDS: COL TOTTENHAM DIFESA A TRE

Secondo la Gazzetta dello Sport, arriverà una prima, sostanziale modifica: il modulo. E, in particolare, la difesa a tre. Spalletti metterà Miranda insieme a Skriniar e De Vrij. L’esperienza del brasiliano sarà fondamentale in una partita da non fallire. Ma l’Inter ha innanzitutto bisogno di personalità e concretezza, due cose sulle quali non è facile lavorare allo stesso modo. Ieri c’è stato un colloquio di 15 minuti con dirigenza (Ausilio e Gardini) e squadra durante l’allenamento: tutti in discussione. Servirà un’invenzione, perché un ko con il Tottenham potrebbe incrinare l’ambiente. E dopo arrivano Sampdoria e Fiorentina.

CDS: INTER IRRICONOSCIBILE, -8 DA JUVE E DA SE STESSA

Il Corriere dello Sport, invece, si concentra sulle enormi differenze con lo scorso anno. Di questi tempi, l’Inter era a quota 12, prima in classifica e con alcune certezze, nonostante non tutti si fossero già ambientati. Adesso, invece, è a quota 4, con il 25% di vittorie ed un -8 dalla Juventus. Ma a preoccupare è proprio l’atteggiamento e le certezze che, adesso, non ci sono più, come se Spalletti fosse arrivato da poche settimane. Nelle ultime quattro a San Siro, l’Inter ha ottenuto solo un punto, se si considera i tre ko con Sassuolo, Juventus (questi ultimi due al termine dello scorso campionato) e Parma, con il pareggio col Torino arrivato con un doppio vantaggio sprecato.

TUTTOSPORT, DI CANIO: “NAINGGOLAN E’ L’UOMO GIUSTO”

Il quotidiano torinese, invece, ha intervistato un ex giocatore ed opinionista esperto di Premier League: Paolo Di Canio, che presenta il Tottenham.Sono una squadra bella da vedere, ma a fasi alterne. Hanno quattro giocatori chiave: Erikson, Kane, Alli e ora si è integrato anche Lucas Moura. Ma caratterialmente sono deboli, perché anche sul 2-0 danno la sensazione di poter subire la rimonta. Non si esprimono al meglio nel 3-5-2 a causa dell’impiego di Davinson Sanchez, pagato 40 milioni e con tante responsabilità addosso. Kane è l’attaccante più completo del mondo, se non il più forte, Alli è ancora un giocatore a sprazzi, non è definitivamente esploso. Ma a prescindere dal modulo di Pochettino, servirà Nainggolan. Il ninja fa “casino”, ma in senso positivo: spacca le partite e può reggere fisicamente l’urto degli Spurs. Se l’Inter supera il primo pressing degli inglesi, può far male”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy