Sei qui: Home » Copertina » Thohir finalmente prossimo a salutare? Suning diventerà proprietario unico dell’Inter

Thohir finalmente prossimo a salutare? Suning diventerà proprietario unico dell’Inter

Svolta societaria in casa Inter? Secondo quanto riferito dal Corriere dello Sport nella sua versione odierna, Erick Thohir sarebbe pronto a cedere le sue quote nerazzurre. In favore di un altro socio? No, perché le rileverebbe il gruppo Suning, diventando così unico proprietario del club.

THOHIR PROSSIMO ALL’ABBANDONO, SUNING DA SOLA DA OTTOBRE?

Questo lo stralcio decisivo del quotidiano romano uscito oggi:

Prima dell’assemblea degli azionisti che come ogni anno si terrà a fine ottobre, Suning potrebbe diventare proprietario anche del 31,05% di quote in possesso di Erick Thohir. L’indiscrezione di un disimpegno del presidente circola da tempo, almeno da un’anno e mezzo, ma ambienti inanziari assicurano che questa potrebbe essere la volta buona perché la holding della famiglia Zhang prenda il controllo pressoché totale del pacchetto azionario. Al momento non è prevista la ricerca di un nuovo socio, né italiano né straniero: Suning diventerebbe l’unico proprietario del club anche se resteranno i piccoli azionisti che tutti insieme hanno lo 0,4% delle quote”.

Il Tycoon indonesiano si è progressivamente allontanato dalle faccende interiste, salvo qualche post social sporadico per salutare i nuovi acquisti o brevi interviste lasciate qua e là. Dopo aver lasciato il DC United in America, Thohir saluterebbe la sua altra proprietà calcistica estera? Una soluzione sempre più probabile, dato che il coinvolgimento di Suning nell’Inter è sempre più concreto e tangibile. 

LEGGI ANCHE:  Infortunio Calhanoglu, sensazioni positive: il centrocampista fissa la data del rientro

Ma chi potrebbe divenire il presidente al posto di Thohir? Steven Zhang staziona stabilmente a Milano, ha ottimi rapporti nell’ambiente e il suo coinvolgimento sembra essere divenuto anche emotivo, oltre che affaristico. Zhang Jindong potrebbe però non affidare un tale incarico di prestigioso al figlio 26enne. Prenderà lui questo onere e onore? Oppure affiderebbe l’incarico a un suo elemento di fiducia in seno all’azienda?