Asamoah, l'antidoto alla maledizione della fascia sinistra?