E se De Vrij fosse l'elemento giusto per sposare la difesa a tre?

E se De Vrij fosse l’elemento giusto per sposare la difesa a tre?


L’acquisto di De Vrij è stato già formalizzato. Per molti, l’olandese potrebbe affiancare Skriniar in una coppia difensiva forte, giovane e dagli ancora inesplorati margini di crescita. In tutto ciò, l’Inter non vuole assolutamente privarsi di Miranda, la cui esperienza difensiva potrebbe essere fondamentale per la prima stagione in Champions. Avere tre centrali simili per tre competizioni è un obbligo.

E se Spalletti decidesse di utilizzarli tutti e tre contemporaneamente? Quest’anno, complice l’assenza di un terzo centrale di livello, l’allenatore toscano ha optato poche volte per questo progetto tattico. Eppure, soprattutto dopo la crescita di Cancelo sulla destra, si sono visti progressivamente dei diversi accorgimenti tattici. Un D’Ambrosio più basso, vicino ai centrali, nonché la presenza molto alta del portoghese, spesso all’altezza della linea mediana, con i vari Candreva o Karamoh propensi a giocare più centrali per lasciare a lui spazio e tentare di creare più presupposti di gioco per vie centrali.

Anche alla Roma, Spalletti ha spesso usufruito della linea difensiva a 3 con Manolas, Fazio e Rudiger. Una soluzione agevolata dalla presenza di ottimi esterni “tuttocampisti” come Florenzi e Palmieri. E nell’Inter? Tenere Cancelo sarebbe fondamentale per perseguire questo assetto tattico, mentre a sinistra potrebbe avvenire la definitiva trasformazione di Perisic in esterno a tutta fascia, liberando le caselle dietro a Icardi, o chi per lui, con giocatori più propensi ad attaccare per vie centrali o in grado di lavorare la palla in maniera più fine e meno scontata. In tal senso, un altro acquisto estivo, Asamoah, potrebbe essere un’ottima pedina di rincalzo.

E i tre difensori? Beh, garantiscono molta sicurezza ed affidabilità, sia nel tenere la linea, che in situazioni di uno contro uno e di costruzione del gioco. Potrebbero concedere la possibilità di far partire l’azione dal basso, non temere giocatori in grado di attaccare la profondità e dare una generale sensazione di confortevolezza generale. Tre difensori del genere sarebbero una gran garanzia e farebbero dormire sonni tranquilli a molti tifosi. Oltretutto, un assetto simile, potrebbe permettere di avere più giocatori di qualità in mezzo al campo. Un’opzione che Spalletti non disdegnerebbe affatto.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy