EDITORIALE - Steven Zhang, lacrime che sanno di interismo