Inter, una rondine non deve più fare primavera