Hernanes: "Inter scelta per trovare nuovi stimoli. Con Mancini tutto ok, ma fallimmo..."

Hernanes: “Inter scelta per trovare nuovi stimoli. Con Mancini tutto ok, ma fallimmo…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Hernanes torna a parlare dei nerazzurri, ricordando la sua esperienza in Serie A.

HERNANES: “SCELSI L’INTER PER UNA NUOVA SFIDA PERSONALE”

Dopo aver giocato in Serie A con le maglie di Lazio, Inter e Juve, Hernanes ora gioca all’Hebei Fortune in Cina. Intervistato da Extra Time, il brasiliano ha parlato della sua carriera in generale:

Gli obiettivi per la stagione?
“Puntiamo al titolo. L’Hebei è stato 4° nel 2017 e può fare meglio. Il tecnico cileno Pellegrini mi piace, privilegia il possesso palla, il pressing, il gioco in velocità nel passare dalla difesa all’attacco, il baricentro alto. Mi trovo davvero bene qui. Mi concede molta libertà per creare. Gioco da mezzala come facevo a San Paolo”.

Lavezzi e Mascherano?
“Due giocatori perfetti per la squadra. Lavezzi nel 2017 ha fatto 20 gol. Mascherano è arrivato da poco ma si è inserito subito molto bene. Due, anche per la lingua, con cui ho stretto subito amicizia.”

Come fa per comunicare con i compagni cinesi?
“In campo si parla molto in inglese, col tecnico e lo staff in spagnolo, che lo sto studiando. Sto conoscendo pure qualcosa di cinese parlato, me la cavo. Gli ideogrammi? No, non ne capisco. Pellegrini dà le istruzioni in inglese e un interprete le traduce ai cinesi”.

Dopo la fine del contratto pensa di tornare in Europa o in Brasile; la famiglia l’ha lasciata in Italia, vero?
“Ho ancora 2 anni di contratto qui. Non ho idea cosa farò. Moglie e figli sono a Torino, i miei ragazzi studiano là.”

Delle città in cui ha vissuto in Italia quale le è rimasta più nel cuore?
“Tre posti fantastici. Roma è grandissima, simile a San Paolo. Milano meno, ma lì trovi tutto ciò di cui hai bisogno. Torino, più tranquilla. C’è la campagna, le colline. Seguo ancora la Serie A”.

Ma alla Lazio ha trascorso i suoi migliori momenti, vero?
“Non so. A Roma mi sono messo di più in mostra perché giocavo da trequartista, ero più vicino alla zona-gol, segnavo di più. Alla Lazio sono arrivato al vertice con la conquista della Coppa Italia. Così sono passato all’Inter in cerca di nuove sfide. A Milano mi trovavo a mio agio con Mancini. Ma abbiamo fallito e poi è arrivata la Juve. Però a Torino ho giocato fuori ruolo. Comunque una buona esperienza”.

Mondiale: il c.t. Tite l’ha già elogiata per il Brasileirão col San Paolo e pensa di convocarla. In nazionale giocherebbe in qualsiasi ruolo?
“La speranza è l’ultima a morire, ma è dura. Però non in qualsiasi ruolo. All’inizio della carriera l’ho fatto. Ma dobbiamo vedere cosa funziona per me e per la squadra. All’inizio facevo il mediano di spinta, ma adesso voglio giocare per fare goal. Mi piace avere a fianco almeno due centrocampisti marcatori per fare la mezzala o la mezzapunta”.

Favoriti per il Mondiale?
“Il Brasile sta giocando molto bene con Tite. E poi ci sono la Francia, la Germania, l’Inghilterra, l’Argentina”.

Fonte foto copertina: screen youtube

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy